SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
tour-de-france-2015-7-jpg
TOUR DE FRANCE 2015 7

TOUR DE FRANCE 2015



Al primo arrivo in salita del Tour de France 2015  Chris Froome (Team Sky) mette subito una serissima ipoteca sul risultato finale della Grande Boucle:

 

il keniano ha spianato la strada verso La Pierre-Saint-Martin staccando tutti i rivali e rafforzando la propria leadership nella generale. Il primo dei battuti è stato uno dei gregari di Froome,  Richie Porte (Team Sky), mentre l’unico rivale credibile per l’armata nera è stato  Nairo Quintana (Movistar Team) che è andato a completare il podio.

Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS

 

Dopo il giorno di riposo il Tour ha incontrato per la prima volta i Pirenei. La corsa è filata liscia per 150 chilometri con due fuggitivi a condurre le danze: il primo a muoversi è stato  Pierrick Fedrigo (Bretagne – Séché Environnement), seguito poi da  Kenneth Van Bilsen (Cofidis, Solutions Crédits). Il vantaggio di questa coppia è salito vertiginosamente fino a superare i 15 minuti, prima che la Movistar non iniziasse a rosicchiare loro terreno.

 

Appena iniziata l’erta finale il Team Sky ha schiacciato il piede sull’acceleratore e per i rivali non c’è stato niente da fare: si sono staccati in rapida successione  Rui Alberto Faria Costa (Lampre – Merida),  Romain Bardet (AG2R La Mondiale),  Thibaut Pinot (FDJ),  Rigoberto Uran (Etixx – Quickstep) e soprattutto  Vincenzo Nibali (Astana Pro Team). Il siciliano non ha tentato neppure una reazione di orgoglio, ma è salito del proprio passo perdendo oltre 4 minuti.

 

La miccia si è definitivamente accesa quando  Richie Porte si è accorto della defaillance di  Alberto Contador; il tasmaniano ha aumentato ulteriormente l’andatura per preparare il campo alla frullata di  Chris Froome che è arrivata puntuale ai -5. Soltanto  Nairo Quintana ha tentato un flebile inseguimento prima di veder scappare la maglia gialla. La marcia di Froome è stata incontenibile e due ali di folla lo hanno accompagnato fin sul traguardo dove non si è fatto mancare il colpo di reni. A quasi un minuto di distacco ha chiuso  Richie Porte (Team Sky), mentre per  Nairo Quintana il passivo è di 1’04”.

 

E’ andata peggio a tutti gli altri big:  Robert Gesink (Team Lotto NL – Jumbo) ottimo quarto perde 1’33”,  Alejandro Valverde (Movistar Team) 2’01”,  Tejay Van Garderen (BMC Racing Team) 2’30”,  Alberto Contador (Tinkoff – Saxo) 2’51”, addirittura 4’25” per  Vincenzo Nibali (Astana Pro Team).

 

Quello che veniva annunciato come uno dei Tour più incerti della storia, alla decima tappa ha già un padrone incontrastato:  Chris Froome e il suo Team Sky hanno mostrato un netto predominio sugli avversari e, come da tradizione dei britannici, ci attendiamo un altro colpo di mano domani sul traguardo di Cauterets.

 

Fonte www.direttaciclismo.it

Matteo Pierucci

 

Immagine
     

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *