SFONDO ASSOS
Sfondo Assos
SFONDO COSMOBIKE
TOP Shimano
Assos Top
Home > gn > TOUR DE FRANCE, ANALISI QUINDICESIMA TAPPA: A CARCASSONNE SARÀ ANCORA TEMPO DI FUGA?

TOUR DE FRANCE, ANALISI QUINDICESIMA TAPPA: A CARCASSONNE SARÀ ANCORA TEMPO DI FUGA?

La seconda settimana del Tour de France 2018 si conclude a Carcassonne, sede d’arrivo della 15esima tappa. Tre Gpm in programma, ma l’ultimo dista oltre 40 chilometri dall’arrivo: difficile immaginare uno scontro frontale tra i big della classifica, in un’altra giornata che sulla carta potrebbe sorridere ai fuggitivi.

 

Partenza e, pronti via, subito salita nei primi chilometri: al nono il Gpm della Côte de Luzençon, 3 chilometri al 6% che potrebbero favorire la formazione della fuga di giornata. A seguire un’altra salita ‘ufficiosa’ e discesa fino al chilometro 25. Distante la seconda ascesa, che inizierà dopo 54 chilometri di corsa, con 10 chilometri di scalata fino ai 928 metri del Col de Sié. Da lì in avanti un lungo tratto interlocutorio, che di fatto conduce a Mazamet, dove è posto il traguardo volante e l’inizio del Pic de Nore, ultima salita del giorno: con oltre 12 chilometri al 6,3%, è stato classificato di prima categoria. Dalla cima, come accennato, oltre 40 chilometri per arrivare all’arrivo: metà sono in discesa, ma i rimanenti quasi esclusivamente in pianura.

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos

 

I favoriti? Molto dipenderà dalla composizione della fuga, se questa come prevedibile dovesse andare in porto. La presenza di tre salite, di cui una di prima categoria, potrebbe portare all’attacco i combattenti per la maglia a pois, che attualmente è sulle spalle di Julian Alaphilippe, che guida con 20 lunghezze di vantaggio sul connazionale Warren Barguil e 27 su Serge Pauwels, mentre Geraint Thomas, quarto in questa classifica, è a 60 punti di distanza con 30 realizzati. Cosa attenderci, invece, dal gruppo maglia gialla? Il Team Sky ha chiaramente fatto intendere di voler tenere sotto controllo la corsa, e questa frazione non dovrebbe sfuggire al loro incedere metodico. Salvo qualche schermaglia sul Pic de Nore, dunque, è difficile aspettarsi altro. Mai dire mai, però, specialmente alla vigilia della terza settimana di gara.

 

a cura di Gianluca Santo –iNBiCi magazine

 

Condividi
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

bradley-wiggins-firma-con-il-team-sky-ma-fino-alla-roubaix-jpg

WIGGINS: “CAMPENAERTS BATTERA’ IL MIO RECORD DELL’ORA”

Sir Bradley Wiggins è sicuro: nel 2019 Victor Campenaerts riuscirà sicuramente a battere il record …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *