SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
tour-down-under-5-jpg
TOUR DOWN UNDER 5

TOUR DOWN UNDER



Simon Gerrans (Orica GreenEDGE) è il nuovo leader al termine della terza tappa del Tour Down Under 2016 grazie alla vittoria ottenuta sul traguardo di Campbelltown.

 

Il vincitore della Liegi 2014 completa un podio dove spiccano  Rohan Dennis (BMC Racing Team) e  Michael Woods (Cannondale Pro Cycling Team). Primo degli italiani  Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) giunto 8°.

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
INBICI STORE BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

 

Gerrans chiude così un digiuno di vittorie personali che durava sin dal settembre 2014 quando si impose in Canada nel Grand Prix Cycliste de Montréal.

 

Tappa vissuta nell’attesa del temibile Corkscrew e della conseguente tecnica discesa verso il traguardo. Se ne va il solo  Laurens De Vreese (Astana Pro Team) che acquisice un margine massimo di 3 minuti e 30 prima di essere ripreso prevedibilmente a 20 dal traguardo.

 

Sulla dura salitella di 2,4 chilometri si scatena la bagarre con diversi attacchi portati dalla coppia BMC  Richie Porte e  Rohan Dennis. Gli unici a fare un poco di differenza sono però Henao e Woods che scollinano con una manciata di metri sugli inseguitori. Si crea nelle parte iniziale del toboga un drappello di 10 uomini che arriva compatto sul rettilineo finale.

 

Volata thrilling, ma  Simon Gerrans (Orica GreenEDGE) riscatta la caduta di ieri e si veste anche della maglia di leader della corsa australiana. Nella generale tipica battaglia del Down Under con Gerrans, McCarthy e Dennis divisi da soli 5 secondi.  Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) anche in questo caso primo degli azzurri con il 9° posto a 15 secondi dal leader. Domani probabile arrivo in volata.

 

 

Fonte www.direttaciclismo.it

 

Immagine
     

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *