SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > TRICOLORE DONNE ELITE
tricolore-donne-elite-1-jpg
TRICOLORE DONNE ELITE 1

TRICOLORE DONNE ELITE


La maglia tricolore delle donne élite resta alla friulana delle Fiamme Azzurre – Seconda Elisa Longo Borghini, terza Anna Zita Maria Stricker

 

Darfo Boario Terme (BS) (25/6) – Resta sulle spalle di Elena Cecchini la maglia tricolore delle donne elite: centrando in un’impresa riuscita solo a Maria Canins tra il 1987 e il 1989, la portacolori delle Fiamme Azzurre ha vinto il terzo titolo nazionale consecutivo, transitando tutta sola sotto il traguardo di Darfo Boario Terme: sul podio con lei Elisa Longo Borghini e Anna Zita Maria Stricker.

Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

 

La friulana ha messo a segno l’attacco vincente a 10 chilometri dal traguardo, evadendo da un gruppetto di sette atlete e riuscendo a resistere al tentativo disperato di rimonta di Elisa Longo Borghini, che paga il fatto di correre praticamente da sola contro il blocco delle Fiamme Azzurre e non può fare il bis dopo il titolo vinto mercoledì a Romanengo nella crono.

Sul terzo gradino del posto Anna Zita Stricker, che ha preceduto al fotofinish Giorgia Bronzini (nelle foto Soncini, in alto il podio e in basso l’arrivo).

Lo start è dato da Perego insieme al presidente Di Rocco, al sindaco di Darfo Boario e all’organizzatore Maffi  

 

Dopo 20 km, dal plotone forte di 80 unità si sgancia Simona Frapporti che, tutta sola, arriva a guadagnare un vantaggio di 2′43” al 58° km. Solo un grande sforzo della Top Girls e delle Fiamme Oro ha permesso alle inseguitrici di riagganciare la battistrada all’80° km.

 

 

Come nella prova delle juniores, il gruppo si è presentato così compatto all’imbocco della prima delle due scalate al muro di Via Cornaleto, il punto in cui, come promesso, Elisa Longo Borghini ha provato a far saltare il banco. L’atleta di Ornavasso, con una pedalata potente ed efficace, è riuscita a guadagnare una ventina di secondi, ma è stata costretta a rialzarsi nel tratto in pianura, visto che alle sue spalle Rossella Ratto, Tatiana Guderzo, Elena Cecchini, Giorgia Bronzini e Anna Zita Maria Stricker si sono lanciate all’inseguimento.

 

Più fortuna l’ha avuta Elena Cecchini: partita in contropiede, una volta ripresa la rivale la campionessa uscente ha guadagnato una dozzina di secondi. Un margine che, anche grazie al lavoro di stopper delle compagne di squadra, è salito a 32” all’imbocco dell’ultimo gpm, diventando incolmabile persino per la mai doma Longo Borghini, scattata una seconda volta in salita nel disperato tentativo di ricucire lo strappo.

 

Scollinata con 16” di margine, e incitata a pieni polmoni dal fidanzato Elia Viviani, Elena Cecchini ha capito di avercela fatta.

 

Gli ultimi 3 km sono diventati per lei una sorta di passerella verso il terzo titolo italiano nella categoria maggiore e i prossimi importanti appuntamenti, primo tra tutti il Giro Rosa, che scatterà l’1 luglio.

 

 

 

CAMPIONATO ITALIANO STRADA DONNE ELITE
1. Elena Cecchini (Fiamme Azzurre) Km. 120 in 3h’08′ 24”, media 38,217
2. Elisa Longo Borghini (Fiamme Oro) a 30”
3. Anna Zita Maria Stricker (Inpa Bianchi) a 1′ 05”
4. Giorgia Bronzini (Forestale) st
5. Soraya Paladin (Top Girls Fassa Bortolo) st
6. Rossella Ratto (Fiamme Azzurre) st
7. Tatiana Guderzo (Fiamme Azzurre) a 2′
8. Beatrice Rossato (Alè Cipollini Galassia) st
9. Lara Vieceli (Inpa Bianchi) st
10. Michela Pavin (Inpa Bianchi) st

 

FONTE: www.bicitv.it

ea700a0f-d941-4599-814e-9cf1a0473337 large p
Immagine
   

Condividi
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER

Ti potrebbero Interessare

TOUR OF TURKEY. FINETTO: “HO PROVATO A EVITARE LA VOLATA. ORA PENSIAMO ALLA TAPPA DI DOMANI”

Nel finale della quarta tappa del Tour of Turkey, Mauro Finetto ha provato a inventarsi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *