MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
vuelta-26-jpg

VUELTA



Bert-Jan Lindeman (Team Lotto NL – Jumbo) ha vinto la 7a tappa della Vuelta a Espana 2015 battendo sul traguardo in salita di La Alpujarra il giovane toscano d’adozione  Ilia Koshevoy (Lampre – Merida) e il nostro  Fabio Aru (Astana Pro Team).

 

Il sardo è il migliore tra i big grazie a uno scatto bruciante negli ultimi 1500 metri. Una decina di secondi guadagnati su Chaves, Quintana, Martin e Valverde e quasi 35 su Froome, Moreno, Van Garderen e Landa. Buon 13° posto per  Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) che entra nella top 10.

Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS

 

Tappa di 190 chilometri nella calura andalusa: in 5 guadagnano fino a 13 minuti. Sono  Amets Txurruka Ansola (Caja Rural – Seguros RGA),  Carlos Quintero Norena (Team Colombia),  Jérôme Cousin (Team Europcar),  Ilia Koshevoy (Lampre – Merida) e  Bert-Jan Lindeman (Team Lotto NL – Jumbo).

 

Il lungo preludio alla salita finale è teatro di una partita a scacchi tra i top team. I più convinti sono gli uomini della Movistar che portano il vantaggio a dimensioni più consone.

 

Sulla salita finale è però l’Astana a prendere l’iniziativa in modo incisivo. Davanti  Ilia Koshevoy (Lampre – Merida) fa il diavolo a quattro potendo contare sulle sue caratteristiche di scalatore: gli manca ancora però un po’ di gestione tattica. Nell’ultimo chilometro si ritrovano in 3: a  Jérôme Cousin (Team Europcar) esce un pedale e spalanca le porte della vittoria a  Bert-Jan Lindeman (Team Lotto NL – Jumbo) che brucia il bielorusso.

Dietro dopo un colpetto di  Daniel Martin (Team Cannondale – Garmin) è  Fabio Aru (Astana Pro Team) a lasciare tutti sul posto con uno scatto che fa ben sperare per le prossime salite. Le differenze sono minime, ma i segnali sono ottimi per il sardo che rafforza la proprie convinzioni e mette definitvamente a posto le cose in casa Astana:  Mikel Landa Meana non sembra ancora quello del Giro.

 

Il pesce più grosso che rimane nella rete è  Chris Froome: non una Caporetto, ma sicuramente un segnale negativo per il vincitore del Tour.

 

Fonte Diretta Ciclismo

Immagine
     

Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *