GSG.COM  SKIN BANNER
DIPA BANNER TOP
CICLOPROMO CICLOPROMO LIMAR- BANNER TOP
Tour de France 2022 - 109th Edition - 16th stage Carcassonne - Foix 179 km - 19/07/2022 - Hugo Houle (CAN - Israel - Premier Tech) - photo Kei Tsuji/SprintCyclingAgency©2022

TOUR DE FRANCE 2022: FUGA VINCENTE DI HUGO HOULE, TRIONFA IN SOLITARIA A FOIX  


Era giunto terzo a Saint-Etienne, oggi invece si è preso la vittoria più bella della carriera, in lacrime sul traguardo di Foix, con il dito al cielo per il fratello Pierrik: Hugo Houle fa emozionare tutti nella sedicesima tappa del Tour de France 2022 e coglie un successo straordinario. Nella prima frazione della terza settimana fuga da lontano e spettacolare trionfo per il canadese. Non c’è stata, nel primo antipasto di Pirenei, la battaglia attesa in chiave Maglia Gialla, con Jonas Vingegaard sempre al comando nettamente. 

Tour de France 2022 – 109th Edition – 16th stage Carcassonne – Foix 179 km – 19/07/2022 – Jonas Vingegaard (DEN – Team Jumbo – Visma) – photo Nico Vereecken/PN/SprintCyclingAgency©2022

A differenza delle giornate precedenti, oggi la fuga è andata via praticamente al primo tentativo. Ventinove i corridori all’attacco: Brandon McNulty (UAE Emirates), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Simon Geschke (Cofidis), Simone Velasco (Astana), Nils Eekhoff (DSM), Mikkel Honorè (Quick-Step), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Dani Martinez (Ineos Grenadiers), Wout Van Aert e Nathan Van Hooydonck (Jumbo-Visma), Hugo Houle e Michael Woods (Israel Premier Tech), Damiano Caruso e Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Aleksandr Vlasov e Felix Grossschartner (Bora Hansgrohe), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar), Maxime Bouet e Lukasz Owsian (Arkea Samsic), Neilson Powless e Stefan Bissegger (EF), Alexis Gougeard e Cyril Barthe (B&B Hotels), Tim Wellens e Philippe Gilbert (Lotto Soudal), Michael Storer, Olivier Le Gac e Valentin Madouas (Groupama FDJ).

Tour de France 2022 – 109th Edition – 16th stage Carcassonne – Foix 179 km – 19/07/2022 – Hugo Houle (CAN – Israel – Premier Tech) – photo Luca Bettini/SprintCyclingAgency©2022 

Il gruppo Maglia Gialla ha gestito la situazione, lasciando oltre 8′ agli attaccanti senza preoccuparsene. La corsa si è infiammata sulle ascese conclusive: Port de Lers e Mur de Péguère. Sulla prima salita i fuggitivi a mano a mano si sono dimezzati, mentre successivamente ha preso in mano l’iniziativa il canadese Houle. Al suo inseguimento si è portato l’americano Jorgenson, stoppato al meglio dall’altro Israel Woods. Per Houle nessun patema in discesa, dove invece è finito a terra Jorgenson: trionfo solitario per il canadese davanti a Madouas e Woods. Decima piazza per Damiano Caruso, non nella condizione dei giorni migliori.

Nel plotone dei migliori primo attacco sul Port de Lers per Tadej Pogacar(UAE Emirates) che è andato a testare la condizione di Jonas Vingegaard(Jumbo-Visma). Nella salita successiva lo sloveno ha sfruttato il lavoro di Rafal Majka, salvo poi restare a guardare senza alzare il ritmo. Drappello Maglia Gialla che è giunto a 5’54” dalla vetta. Chi è andato in gran difficoltà è stato Romain Bardet (DSM) che ha salutato le sue ambizioni da podio.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata


CICLOPROMO MAXIXIS- BANNER SOPRA TOP NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SCOTT BANNER NEWS
SHIMANO SELLA STEALTH DI PRO BIKE GEAR BANNER BLOG AGOSTO
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
REVELETOR ALTO  BANNER NEWS 5
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.