GSG.COM  SKIN BANNER
DIPA BANNER TOP
CICLOPROMO CICLOPROMO LIMAR- BANNER TOP
Tour de France 2022 - 109th Edition - 11th stage Albertville - Col de Granon 149 km - 13/07/2022 - Tadej Pogacar (SLO - UAE Team Emirates) - photo Kei Tsuji/SprintCyclingAgency©2022

TOUR DE FRANCE 2022, POGACAR INCIAMPA IN UNA CRISI TERRIBILE 


Jonas Vingegaard ha ribaltato Tadej Pogacar nel corso della decima tappa del Tour de France 2022. Il danese ha sfruttato al meglio l’eccezionale lavoro della Jumbo-Visma, che ha isolato lo sloveno fin dalle prime rampe del Galibier. Sulla successiva salita del Col du Granon, quando mancavano cinque chilometri al traguardo, Vingegaard ha piazzato una micidiale rasoiata e la maglia gialla è andata letteralmente alla deriva. Una crisi nera per il vincitore delle ultime due edizioni della Grande Boucle, che è giunto sul traguardo con quasi tre minuti di ritardo.


Tour de France 2022 – 109th Edition – 11th stage Albertville – Col de Granon 149 km – 13/07/2022 – Jonas Vingegaard (DEN – Team Jumbo – Visma) – photo Luca Bettini/SprintCyclingAgency©2022

Per la prima volta in carriera il giovane fuoriclasse balcanico, padrone totale del ciclismo moderno, è saltato per aria e non è riuscito a controbattere. Un tracollo totale sulle pendenze più aspre di un’ascesa durissima, trasformatasi in un calvario per il capitano della UAE Emirates, semplicemente inerme e scomposto nell’azione sui pedali. Jonas Vingegaard ha trionfato con pieno merito e ha strappato la maglia gialla al grande rivale, ora attardato di addirittura 2’22” e in terza posizione in classifica generale (è preceduto di sei secondi dal francese Romain Bardet).

Tour de France 2022 – 109th Edition – 11th stage Albertville – Col de Granon 149 km – 13/07/2022 – Tadej Pogacar (SLO – UAE Team Emirates) – photo Kei Tsuji/SprintCyclingAgency©2022

Attenzione però a dare per morto un fuoriclasse del calibro di Tadej Pogacar. Se avrà la forza di non farsi demoralizzare psicologicamente da quanto è successo oggi, potrà ancora cercare di rialzarsi perché le gambe e la forza fisica non sono in discussione: nella prima parte di questo Tour de France aveva dimostrato il proprio strapotere, ha vinto due tappe in montagna con enorme personalità e può assolutamente risorgere dalla sera alla mattina. Lo svantaggio da recuperare è importante, ma con un’azione delle sue potrebbe riuscire a restituire il favore al danese.

Lo sloveno dovrà fare un po’ tutto da solo, visto che la sua squadra ha perso due elementi a causa del Covid-19 e non sembra poter supportare al meglio il proprio capitano. Solo contro una corazzata come la Jumbo Visma: servirà una magia degna del dominatore del pedale contemporaneo che per la prima volta in carriera si trova costretto a recuperare in maniera importante e da favorito della vigilia. Già domani ci sarà l’Alpe d’Huez, poi i Pirenei e una cronometro sulla carta favorevole: lo spazio e il tempo non mancano, vedremo se le gambe risponderanno ai desideri dell’ormai ex maglia gialla.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
REVELETOR ALTO  BANNER NEWS 5
SCOTT BANNER NEWS
SHIMANO SELLA STEALTH DI PRO BIKE GEAR BANNER BLOG AGOSTO
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
CICLOPROMO MAXIXIS- BANNER SOPRA TOP NEWS
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.