SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER

GIRO. ANALISI DELLA OTTAVA TAPPA: PRAIA A MARE – MONTEVERGINE DI MERCOGLIANO


La seconda occasione, anche se meno impegnativa, per gli scalatori.

L’ottava tappa riparte da Praia a Mare e pone il traguardo a Montevergine di Mercogliano, dopo 209 km. Un arrivo in salita, più volte frequentato dalla corsa rosa. Il profilo altimetrico della tappa è dolcemente mosso fino alla scalata finale che conduce all’arrivo.

 

Percorso – Tappa molto lunga che nella prima parte si snoda lungo strade statali e a scorrimento veloce. Dopo Agropoli il percorso diventa sostanzialmente rettilineo e pianeggiante lungo la costa tirrenica fino a Salerno. Iniziano lì gli ultimi 55 km sempre in salita che portano alla periferia di Avellino. Appena fuori dell’abitato di Torrette di Mercogliano comincia la salita finale per Montevergine di Mercogliano. Pendenza media attorno al 6%. La strada si snoda in una sequenza di brevi tratti rettilinei e diciotto tornanti.

Storia e curiosità – Praia a Mare, con i suoi 6 chilometri di spiaggia e il mare riconosciuto “bandiera blu”, era anche il punto di arrivo della precedente tappa. Da qui si riparte, entrando subito in Basilicata. Con la conclusione di oggi si raggiunge il comune di Mercogliano, che ospita l’arrivo al termine della salita del Santuario di Montevergine. L’ascesa a Mercogliano è ben conosciuta dalla Corsa Rosa, che qui ha fissato il traguardo nel 1962 con il successo del belga Armand Desmet, poi, in successione frequente, nel 2001 Danilo di Luca, nel 2004 Damiano Cunego, ancora Di Luca nel 2007 e nel 2011 il belga Bart De Clercq.

Possibili favoriti – La salita finale di questa frazione, sarà un continua ascesa, senza grandi pendenze. Sarà molto difficile creare dei veri e propri distacchi e molto probabilmente i leader delle varie squadre arriveranno appaiati al traguardo. Sarà comunque un test da non sottovalutare in ottica classifica generale. Per via della conformazione geografica della tappa, potrebbe prender vita fin da subito un tentativo di fuga. Favoriti questa volta i big e gli scalatori, con buone doti da scattisti. In questa frazione si farà, soprattutto nella arrampicata verso Montevergine, un’alta velocità e sarà molto importante stare a ruota, per non disperdere energie, in vista anche del più impegnativo giorno seguente. Per come ha corso fino ad ora Simon Yates, attuale maglia rosa, dovrebbe essere il candidato numero uno alla vittoria. Da non sottovalutare il suo compagno di squadra Esteban Chaves e l’italiano Domenico Pozzovivo, in ottima condizione. Dopo l’ottima prova sull’Etna, c’è curiosità anche nei confronti del giovane colombiano Richard Carapaz, al momento maglia bianca, che potrebbe ancora una volta stupire tutti. Alcuni nomi caldi: Simon Yates – Chris Froome – Fabio Aru – Thibaut Pinot – Tom Dumoulin – Miguel Angel Lopez – Domenico Pozzovivo – George Bennett.

A cura di Davide Pegurri per iNBiCi magazine

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *