LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO ASSOS
TOP Shimano
Home > Top News > TOUR OF THE ALPS: LÓPEZ VINCE A PAMPEAGO. SOSA NUOVO LEADER

TOUR OF THE ALPS: LÓPEZ VINCE A PAMPEAGO. SOSA NUOVO LEADER

La seconda tappa del Tour of the Alps, disputata sulla distanza di 145.5 km tra Lavarone e Alpe di Pampeago, è stata caratterizzata da una fuga a sei partita attorno al km 25.

Protagonisti gli italiani Marco Frapporti (Androni Giocattoli-Sidermec) e Jacopo Mosca (Wilier Triestina-Selle Italia), l’israeliano Roy Goldstein (Israel Cycling Academy), il francese Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), l’austriaco Stephan Rabitsch (Team Felbermayr-Simplon Wels) e lo spagnolo Óscar Rodríguez (Euskadi Basque Country-Murias).

 

Con Goldstein staccatosi attorno al km 80, il margine massimo del tentativo tocca i 5’20” al km 90. Nella seconda ascesa prevista a Cavalese anche Mosca e Rodríguez perdono terreno, con il terzetto residuo che entra negli ultimi 10 km con 2’15” di vantaggio sul gruppo.

All’imbocco degli ultimi 7.7 km di salita al 9.8% di pendenza media Jauregui è il più pimpante del trio e presto distanzia i due colleghi, ma l’ex Roubaix Lille Métropole viene raggiunto ai meno 4.9 km dal gruppo tirato dalla Groupama-FDJ, con Chris Froome letteralmente tirato su da cinque gregari dopo aver perso in due occasioni contatto.

Il Team Sky fa il ritmo prima con Deignan, quindi con Rosa e Henao: a provare a mettere un granello di sabbia nel meccanismo dei britannici ci prova ancora l’Astana Pro Team mandando all’attacco ai meno 2.7 km Jan Hirt, seguito dall’ex Trek Riccardo Zoidl (Team Felbermayr-Simplon Wels). A fare il ritmo nel plotone è De la Cruz, la cui andatura provoca la perdita di contatto ai meno 2 km del leader Pello Bilbao (Astana Pro Team): proprio a tale altezza inizia il lavoro l’ultimo Sky a supporto di Froome, ossia Kenny Elissonde, che annulla l’azione dei due battistrada ai meno 1700 metri.

L’accelerazione fa ridurre a 10 la composizione del gruppo, con Fabio Aru e George Bennett che devono abbandonare la compagnia ai meno 1.6 km. La classica frullata di Froome avviene esattamente sotto l’arco dell’ultimo km ma il keniano bianco non fa alcuna differenza, con Pinot, Pozzovivo, López, Ciccone e Sosa rimasti sempre con lui.

Pozzovivo prova ad avvantaggiarsi, ma viene ripreso da López, Pinot e Sosa a 500 metri dal termine, con Froome e Ciccone che rientrano dopo qualche momento di appannamento. La volata lunga viene impostata in testa da Pozzovivo ma a vincere è Miguel Ángel López. Alle spalle del colombiano dell’Astana Pro Team giungono Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) e un eccellente Iván Ramiro Sosa (Androni Giocattoli-Sidermec).

Quarto a 5″ uno stremato Chris Froome, quinto a 7″ Domenico Pozzovivo. Seguono Giulio Ciccone e Jan Hirt.

In classifica la maglia viola passa sulle spalle del giovanissimo Iván Ramiro Sosa, che guida su Thibaut Pinot.

 

ordine d’arrivo

1 LOPEZ MORENO Miguel Angel (COL) ASTANA PRO TEAM
2 PINOT Thibaut (FRA) GROUPAMA – FDJ
3 SOSA CUERVO Ivan Ramiro (COL) ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC
4 FROOME Chris (GBR) TEAM SKY a 4″
5 POZZOVIVO Domenico (ITA) BAHRAIN – MERIDA a 7″
6 CICCONE Giulio (ITA) BARDIANI CSF a 14″
7 HIRT Jan (RCE) ASTANA a 20″

classifica generale

1 SOSA (Androni Sidermec)
2 PINOT (Groupama FDJ) a 6″
3 LOPEZ (Astana)
4 FROOME (Team Sky) a 16″
5 POZZOVIVO (Bahrain Merida) a 19″
6 CICCONE (Bardiani Csf) a 26″
7 HIRT (Astana) a 36″
8 HERMANS (Israel Cycing) a 43″
9 ARU (UAE Emirates) a 50″
10 BILBAO (Astana) a 1’17”

fonte cicloweb.it

Condividi
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

Ti potrebbero Interessare

ELITE/U23 – LA STRADE BIANCHE DI ROMAGNA FA IL PIENO DI ISCRITTI

Sono già 175, in rappresentanza di 26 società sportive italiane e non solo, i ciclisti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *