Sfondo Assos
SFONDO ASSOS
SFONDO COSMOBIKE
TOP Shimano
Assos Top
Home > gn > CHAVANEL, HEROIQUE
Tour de France 2018 - 105th Edition - 2nd stage Mouilleron Saint Germain - La Roche sur Yon 183 km - 08/07/2018 - Sylvain Chavanel (FRA - Direct Energie) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2018

CHAVANEL, HEROIQUE

 

Il ciclismo è lo sport degli “uomini soli al comando”. Che sia il Giro d’Italia, il Tour de France o qualsiasi altra corsa, lo spettacolo offerto è quasi sempre quello di ragazzi soli, là davanti. A volte sono tre o quattro, altre invece ce n’è solo uno. Oggi si chiama Sylvain Chavanel, maglia Direct Energie. Ha trentanove anni ed è il suo diciottesimo Tour. Un compleanno in cui si diventa grandi. E’ l’unico della storia che ci sia mai riuscito, Voigt e O’Grady si sono fermati a diciassette. Heroique.

La prima volta che vinse al Tour de France era il 25 luglio del 2008, quasi 10 anni ormai. Aveva ventinove anni, si arrivava a Montluçon ed aveva lasciato il gruppo al chilometro 78 di corsa; aveva battuto il suo compagno di avventura Roy allo sprint; l’aveva così tanto voluta che non passava giorno, in quel Tour, che provasse ad andare in fuga. L’aveva così tanto voluta, in quel modo, o magari avrebbe preferito arrivare solo, per concedersi il lusso di riposare le gambe almeno per gli ultimi metri e poter osservare la pelle d’oca che spunta sulle braccia ad un francese che vince in Francia una tappa della corsa più importante al mondo. Heroique, gli avevano detto allora.

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE

Sylvain è un barodeur, ovvero un avventuriero che fugge. Ha tratti marcati in volto, che definiscono in maniera inconfondibile i suoi zigomi e la curva del suo sorriso. E’ un cosiddetto cagnaccio, che in bici morde, giù dalla bici è di una dolcezza incredibile. Sylvain lo chiamano “Mimo” o “Mimosa”, in forma estesa. Mimosa è n personaggio de “Un’epoca formidabile”, pellicola di Gérard Jugnot, ed è un vagabondo, un uomo che gira il mondo e magari fugge; e qualche somiglianza, sportiva in questo caso, è facilmente riscontrabile. E, ad essere romantici, la mimosa è un fiore giallo, come la maglia del Tour, che Sylvain ama alla follia. L’amore è ricambiato, assolutamente ricambiato.

Mimosa è uno di quei corridori maledetti che in gruppo ci stanno male. Hanno bisogno di respirare, di ribellarsi, hanno necessità di sentirsi vivi e felici, per questo scappano. La ribellione rende felici, si sa. E Sylvain scappa, anche oggi che ha trentanove anni. E si sente felice, da solo, in mezzo alla sua gente, che sua proprio non è perché lui è della Nuova Aquitania, ma è sua lo stesso, perché i francesi, in patria, sono come patrimoni preziosi; in più, la sua squadra è nata in Vandea. Se la gode, questa calda e nervosa tappa, ad un certo punto allarga le braccia per salutare, come se avesse oltrepassato un traguardo visibile solo a lui; un po’ come se avesse vinto. E forse lo ha fatto per davvero.

Mimosa viene ripreso al gruppo, quando al traguardo reale, i chilometri non sono nemmeno così tanti. Si volta, gli altri sono lì, sarà per la prossima volta. Si lascia sfilare, qualcuno lo saluta e gli fa i complimenti. Gli dicono che è stato bravo, e forse se lo dice anche lui. Adesso gli importa solo di arrivare al traguardo, perché gli hanno detto che è stata una tappa nervosa, piena di cadute, che ci sono anche stati dei ritiri. Ma del resto, Mimosa lo sa che il Tour de France è un giudice severo. Sta solo con sé stesso e riflette, e pensa. Davanti qualcuno ha già vinto, Peter Sagan gli giunge alle orecchie, che ha pure la Maglia Gialla. Passa il traguardo, sospira, sorride, ha sete e cerca il massaggiatore. Heroique, gli dicono anche oggi.

 

 

A cura di Giulia Scala per InBici Magazine

Condividi
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

PASTA CON KETCHUP E PATATINE FRITTE: ECCO LA DIETA DI MATHIEU VAN DER POEL

Il campione europeo e fenomeno del ciclocross Mathieu Van Der Poel ha rilasciato un’intervista molto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *