MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
BANNER CICLOPROMO FINISH LINE  BANNER TOP
ITALIAN GRAVEL TROPHY BANNER TOP

Joya Ecuatoriana

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


E’ accaduto tutto all’improvviso.

Le nuvole, la pioggia, la maglia bianca davanti a tutti. E’ esploso tutto in pochi minuti, nemmeno il tempo di girare lo sguardo per capire chi del gruppo stesse tirando per cercare di andare a riprendere l’ultimo fuggitivo di giornata, l’olandese Koen Bouwman. A lui sono mancati mille, stupidissimi, metri per completare il miracolo iniziato la mattina presto. Qualche colpo di pedale, qualche curva e poi l’arrivo, ma il miracolo è rimasto incompiuto. A scongiurarlo, un’intuizione. 

L’intuizione geniale di uno scatto bruciante, inaspettato, incontrollato. E incontrollabile. Richard Carapaz, maglia Movistar coperta dalla Maglia Bianca di miglior giovane.

Richard viene dall’Ecuador, paese dalla scarna storia ciclistica, ma che, probabilmente, sta impazzendo grazie a questo ragazzino dal viso da uomo maturo.
E’ chiamato “Joya Ecuatoriana”, e non potrebbe esserci termine più adatto a questo ragazzo unico. Cresciuto ciclisticamente in Colombia, dove ha anche iniziato a vincere, e ha estasiato la gente, che lo ha subito amato. In suo onore, è nata una squadra, che porta anche il suo nome, dove corrono 15 ragazzini dai 6 ai 14 anni. Per loro, Richard, è un idolo, un mito, qualcuno da cui imparare. Forse avranno le sue foto appese in camera, come il migliore degli esempi da seguire.

UCI GRAN FONDO WORLD SERIES BANNER BLOG
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6
Shimano Banner archivio Blog
SCOTT BANNER NEWS
CICLOPROMO ELEVEN -  BANNER  BLOG POSIZIONE 1
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER NEWS 5
CLIF BAR BELTRAMI - BLOG

Richard, non un nome prettamente ispanico, è già di per sé una storia speciale. Questo Giro d’Italia si sta dimostrando un forziere stracolmo, in questo senso. Un’azione come la sua, non è comune, non è per tutti. Coraggio, da sfidare i grandi. Sfacciataggine, da scattare loro in faccia. Resistenza, da arrivare la traguardo da solo, sotto il diluvio.

Qui, a Montevergine, è già accaduta una consacrazione. Nel 2004, Damiano Cunego vinse sullo stesso traguardo, andando ad indossare la Maglia Rosa. Montevergine che, anche quell’anno, era il secondo arrivo in salita del Giro e che ha lanciato un futuro campione. Non si può che augurare lo stesso a questo ragazzino dal viso da uomo, ormai già diventato grande. Ma grande veramente.

A cura di Giulia Scala per InBici Magazine

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SCOTT BANNER NEWS
UCI GRAN FONDO WORLD SERIES BANNER BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER NEWS 5
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6
CICLOPROMO ELEVEN -  BANNER  BLOG POSIZIONE 1
CLIF BAR BELTRAMI - BLOG

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *