LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
TOP Shimano
Home > gn > L’INTERVISTA – TOMMASO ELETTRICO: “IL CICLISMO AMATORIALE DEVE AIUTARE QUELLO GIOVANILE COME STA FACENDO LA CPS”
Tommaso Elettrico e Damiano Cunego alla Granfondo Laigueglia - credit photo Stefano Spalletta

L’INTERVISTA – TOMMASO ELETTRICO: “IL CICLISMO AMATORIALE DEVE AIUTARE QUELLO GIOVANILE COME STA FACENDO LA CPS”


A margine della Granfondo Internazionale Laigueglia, abbiamo avuto modo di parlare con Tommaso Elettrico. Dopo il suo trionfo al mondiale dei cicloamatori di un anno fa, questo ragazzo di Matera sta attirando su di sé tutte le attenzioni, sia delle persone che lo apprezzano, sia di quelle che credono che non sia giusto assegnare una maglia di campione del mondo nella categoria amatoriale. 

La nostra chiacchierata con Tommaso Elettrico, che difende i corridori del Team CPS, è stata spunto per affrontare diverse tematiche calde.

Tommaso, che stagione dobbiamo aspettarci da lei che è uno degli amatori più in vista del momento?

“La cosa fondamentale è sicuramente divertirsi. Per me, fare parte del mondo amatoriale è motivo di grande soddisfazione. In questa stagione voglio onorare la maglia che ho addosso e gli sponsor che credono in me, quindi cercherò di portare il più in alto possibile la maglia iridata”. 

Molti sostengono che il ciclismo amatoriale debba aiutare quello giovanile. Qual è il suo pensiero al riguardo?

“Io vengo dal sud Italia e vedo che in questi anni qualcosa sta crescendo. Io faccio tanto anche per il ciclismo giovanile delle mie zone: tanti si chiedono perché si investe solo nel mondo amatoriale, ma CPS è uno di quegli imprenditori appassionati di ciclismo che ha messo su anche una squadra juniores di alto livello, e lo ha fatto perché ama realmente i giovani e il ciclismo”. 

Lei si diverte anche quando sa che a tutte le granfondo alle quali partecipa è sempre il favorito numero uno?

“Dopo aver vinto 70 granfondo, due Maratone delle Dolomiti di fila, ho vinto tutte le manifestazioni più importanti di livello internazionale. Ho la fortuna di caricarmi con la “pressione” che il mondo amatoriale mi mette, però io sono molto tranquillo e sereno perché vengo alle manifestazioni per divertirmi. Per me, fare fatica significa divertimento, ed è questa la mia arma vincente. Il divertimento deve essere alla base di tutto, altrimenti non si riesce ad andare in bici”.

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
PISSEI BANNER BLOG+ NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

Ti potrebbero Interessare

FOCUS SUL PRODOTTO: SRAM FORCE ETAP AXS IN PROVA

Abbiamo effettuato il test del secondo reparto trasmissione wireless della Casa americana, quello a dodici …

Un Commento

  1. Le granfondo cosi come sono concepite, sono più vicine all agonismo pseudo professionistico che non amatoriale. Togliamo le classifiche a tempo, per riportare le granfondo al loro significato originario.. Il divertimento e la condivisione di una bella giornata di sport, aggiungo ancora che grazie agli pseudoprofesdionisti che schizzano ai 50 all ora, la maggior parte dei partecipanti amatoriali dopo 15 minuti dalla partenza, si ritrova senza assistenza, con strade aperte al traffico automobilistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *