Sfondo Assos SFONDO ASSOS SFONDO COSMOBIKE
TOP Shimano
Assos Top
Home > gn > COMMENTOUR – DEGENKOLB RINASCE SUL SUO PAVE’
Tour de France 2018 - 105th Edition - 9th stage Arras - Roubaix 154 km - 15/07/2018 - John Degenkolb (GER - Trek - Segafredo) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2018

COMMENTOUR – DEGENKOLB RINASCE SUL SUO PAVE’

Condividi

Sono passati 3 anni da quando John Degenkolb era riuscito a vincere due classiche monumento nella stessa stagione. Prima la Milano-Sanremo, poi la Parigi-Roubaix. Ed è proprio da Roubaix, dalla città delle pietre, che John rinasce non solo come corridore, ma anche come uomo.

Il ciclismo è uno sport di fatica. Non esiste un momento di riposo. Quando devi preparare una corsa, ogni giorno cominci da zero. Devi salire sulla bici e fare la stessa fatica del giorno prima. E farla per mesi e mesi, con l’obiettivo di vincere una gara.

BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Era il gennaio 2016: durante uno di questi allenamenti, Degenkolb e altri corridori vengono centrati da una macchina mentre si stavano allenando in Spagna. Addio classiche, la riconferma è impossibile. Bisogna ricominciare, ma in questi casi non subentrano solo dei fattori fisici. C’è da recuperare un uomo, sconfiggere la paura, tornare a spingersi oltre i propri limiti.

John torna a competere su alti livelli nel 2017, con una vittoria all’Abu Dhabi Tour, due top 10 al Fiandre e alla Roubaix, un secondo psoto al Tour. Ma il tedesco è un vincente, e non può accontentarsi di questi risultati.

Il 2018 parte molto meglio: arrivano subito due vittorie in Spagna a gennaio, ma la Campagna del Nord è molto al di sotto delle aspettative. Degenkolb si ferma per due mesi, si allena con l’obiettivo di centrare una vittoria. E oggi, tornando a pedalare su quelle pietre che lui è capace di dominare, è riuscito a risorgere.

Il Tour de France ci riconsegna un John degenkolb da tenere sempre in considerazione, non solo nelle classiche ma anche nelle volate di gruppo in un grande giro. Tanti sono stati i piazzamenti da lui conquistati, sintomo del fatto che la migliore forma fisica era vicina. E ora l’obiettivo è stato raggiunto.

E’ la vittoria più bella John, hai ragione. Hai vinto dopo aver visto la morte in faccia. Sei tornato in sella a fare il tuo mestiere, e ora hai ripagato la fiducia di tutti.

 

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

LA MARATHON DELL’ALTOPIANO APRE LE ISCRIZIONI LUNEDÌ 22 OTTOBRE

CondividiLa notizia della nascita della Marathon dell’Altopiano-Latterie Vicentine ha suscitato enorme interesse e al comitato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *