SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO COSMOBIKE
SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
Sfondo Assos
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > GIRO. ANALISI DELLA SECONDA TAPPA: HAIFA – TEL AVIV

GIRO. ANALISI DELLA SECONDA TAPPA: HAIFA – TEL AVIV

La seconda tappa in Israele, di 167 km, partirà da Haifa e arriverà a Tel Aviv. Una frazione pianeggiante dove i velocisti faranno da padroni. Le vere insidie potrebbe essere il forte vento e forse il caldo torrido.

Percorso – Tappa senza dislivelli particolari, solo un breve GPM a metà percorso, ma con pendenze oltre il 10% . Dopo un lungo tratto in autostrada la corsa arriverà per il finale sugli ampi viali, intervallati da alcune curve ad angolo retto, di Tel Aviv. Un ampio rettilineo finale accoglierà probabilmente la prima volata di questo Giro d’Italia.

Storia e curiosità – La sede di partenza Haifa deve il suo nome al sommo sacerdote a capo del sinedrio (assemblea legislativa) dal 18 al 36. È una città di circa 270.000 abitanti nel nord del Paese, importante porto marittimo e rilevante centro industriale. Un detto israeliano recita: “a Gerusalemme si prega, a Tel Aviv ci si diverte e ad Haifa si lavora”. L’arrivo invece sarà posto a Tel Aviv, fondata nel 1909 e in continua espansione demografica. Il nome della città significa “collina della primavera”. Tel Aviv è situata sulla costa del mar Mediterraneo, costellata di splendide spiagge, alla foce del fiume Yarkon. È al centro dell’area metropolitana più estesa e popolosa di Israele, con un totale di circa quattro milioni di abitanti.

 

Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Possibili favoriti – Salvo sorprese la tappa dovrebbe decidersi in volata. Alcuni velocisti hanno corso la cronometro iniziale con il freno a mano tirato, proprio per non farsi sfuggire questa ghiotta occasione. Il clima sarà forse un nemico per molti e il caldo obbligherà i corridori a gestirsi e idratarsi molto. Bisognerà star attenti ai ventagli e alle squadre capaci di crearli, qualcuno potrebbe rimanere distaccato o spendere le energie molto prima dell’arrivo. Alcuni nomi caldi: Elia Viviani – Jakub Mareczko – Sacha Modolo – Andrea Guardini – Sam Bennett – Kristian Sbaragli – Jempy Drucker. – Danny Van Poppel.

A cura di Davide Pegurri   – iNBiCi magazine

Condividi
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

FOCUS SUL PRODOTTO: PROLOGO DIMENSION CPC

Design rivoluzionario ed ergonomico, è la soluzione ottimale per i ciclisti che ricercano il massimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *