MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
giro-di-svizzera-4-jpg
GIRO DI SVIZZERA 4

GIRO DI SVIZZERA



Zampata di Kristian Durasek al Giro di Svizzera 2015.

 

L’atleta della Lampre – Merida si impone nella prima tappa in linea, grazie ad una bellissima azione di finisseur che gli permette di anticipare per una manciata di secondi un drappello di nove unità, sganciatosi sulle rampe della salita finale. Piazza d’onore per Daniel Moreno (Team Katusha) che vince la volata dei battuti davanti ad un ritrovato Julian Arredondo (Trek). Ottima difesa di Tom Dumoulin (Giant – Alpecin), capace di gestire con grande intelligenza un finale molto tirato, conservando la maglia gialla.

INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

 

Inizio di tappa molto combattuto. Poco dopo il via ufficiale si lanciano all’attacco Stijn Devolder (Trek) e Silvan Dillier (BMC), ma il loro tentativo non ha molta fortuna. Lungo la prima ascesa di Allenwinden si susseguono scatti e controscatti, senza che nessuno riesca a fare grandi differenze. Nel tratto in discesa partono Cameron Meyer (Orica GreenEDGE), Luka Pibernik (Lampre – Merida), Valerio Agnoli (Astana) e Jurgen Roelandts (Lotto Soudal). Il gruppo lascia fare e il tentativo prende corpo. Gli unici due atleti con la volontà di invertire la tendenza sono Benjamin King (Cannondale – Garmin) e Simone Antonini (Wanty – Groupe Gobert), i quali sbagliano i tempi e, dopo una ventina di chilometri a bagnomaria, decidono di rialzarsi. La Giant – Alpecin si posiziona immediatamente in testa al gruppo della maglia gialla, mantenendo il distacco nell’ordine dei 3 minuti.

 

La situazione si stabilizza per diversi chilometri e inizia a mutare sul primo passaggio lungo la salita di Michaelsreuz, sul quale Meyer e Pibernik accelerano, staccando gli altri compagni di fuga. Il vantaggio per la nuova coppia al comando non è rassicurante e inizia anche a ridursi visto che la FDJ, la Ag2r La Mondiale e la Etixx – QuickStep decidono di concedere qualche cambio agli uomini della Giant, portando ad un incremento del ritmo.

L’azione si esaurisce a 15 chilometri dall’arrivo, in occasione del secondo passaggio sul Michaelsreuz, a causa dei primi allunghi dei big. Il primo a rompere gli indugi è Jakob Fuglsang (Astana) che tenta tre scatti, portandosi dietro Julian Arredondo (Trek) e Geraint Thomas (Team Sky). Le rasoiate del danese colgono in fallo Michal Kwiatkowski (Etixx – QuickStep) e Rafal Majka (Tinkoff – Saxo), ma anche Thibaut Pinot (FDJ), posizionato male in gruppo. Il francese dimostra di star bene e riesce a riportarsi sui primi, assieme al leader Tom Dumoulin (Giant – Alpecin), bravissimo a non scomporsi e a salire del proprio passo. Al momento del ricongiungimento riparte Arredondo, la cui azione ha vita breve e, in contropiede, c’è l’ennesimo scatto di Fulsang. Ancora una volta è Thomas il primo a rispondere, con Simon Spilak (Katusha) che esce allo scoperto dopo esser rimasto per lunghi tratti nascosto. Lo sloveno sembra quello meno brillante, ma riesce a restare agganciato al drappello al comando che giunge al GPM con un vantaggio di una decina di secondi nei confronti di un gruppetto con Dumoulin, Pinot, Arredondo, Daniel Moreno (Katusha), Kristian Durasek (Lampre – Merida) e un ottimo Miguel Angel Lopez (Astana).

 

Nel tratto in discesa i due gruppi si riuniscono, senza però trovare un accordo. Si procede a scatti fino al traguardo, mantenendo comunque un’elevata andatura che impedisce agli immediati inseguitori, tra i quali figurano Peter Sagan (Tinkoff – Saxo), Greg Van Avermaet (BMC) e Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale), di rientrare. I nove battistrada giungono all’ultimo chilometro tutti assieme, iniziando a studiarsi. Durasek, consapevole di essere battuto in volata, coglie l’attimo giusto agli 800 metri piazzando una bella progressione. Gli altri attaccanti si guardano quei tre-quattro secondi di troppo che permettono al croato di acquisire un margine tale da arrivare al traguardo e centrare un altro bel successo in questo 2015 dopo il Giro di Turchia.

 

ORDINE DI ARRIVO

1  Kristijan DURASEK LAMPRE – MERIDA 03:36:52

2  Daniel MORENO FERNANDEZ TEAM KATUSHA 00:00:04

3  Julian David ARREDONDO MORENO TREK FACTORY RACING 00:00:04

4  Thibaut PINOT FDJ 00:00:04

5  Geraint THOMAS TEAM SKY 00:00:04

6  Simon SPILAK TEAM KATUSHA 00:00:04

7  Miguel Angel LOPEZ MORENO ASTANA PRO TEAM 00:00:04

8  Jakob FUGLSANG ASTANA PRO TEAM 00:00:04

9  Tom DUMOULIN TEAM GIANT – ALPECIN 00:00:04

10  Peter SAGAN TINKOFF – SAXO 00:00:14

 

CLASSIFICA GENERALE

1 Tom Dumoulin (Giant – Alpecin)

2 Geraint Thomas (Team Sky) a 7″

3 Daniel Moreno (Katusha) a 11″

4 Jakob Fuglsang (Astana) a 14″

5 Peter Sagan (Tinkoff – Saxo) a 15″

6 Steve Morabito (FDJ) st

7 Thibaut Pinot (FDJ) a 16″

8 Kristian Durasek (Lampre – Merida) a 18″

9 Bob Jungels (Trek) a 19″

10 Simon Spilak (Katusha) st

 

Fonte SpazioCiclismo

Luca Pellegrini

foto  www.teamlampremerida.com

11402672
     

Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *