SFONDO ASSOS SFONDO COSMOBIKESfondo Assos
TOP Shimano
Assos Top
Home > Tutti gli Articoli > GIRO U 23: A CA’ DEL POGGIO ESPLODE LA GRANDE FESTA ROSA
foto passaggio del Giro d’Italia 2017 a Ca’ del Poggio

GIRO U 23: A CA’ DEL POGGIO ESPLODE LA GRANDE FESTA ROSA

Condividi

Inizia il conto alla rovescia per l’emozionante finale del Giro d’Italia Under 23 che sabato pomeriggio vivrà il suo epilogo sul Muro con la rivoluzionaria cronometro in “real time” che concluderà la rassegna. Stand enogastronomici, dj set, musica dal vivo e grandi ospiti del mondo sportivo per un evento da non perdere

 

San Pietro di Feletto (Treviso), 14 giugno 2018 – Il conto alla rovescia entra nel vivo. Dopodomani, sabato 16 giugno, sul Muro di Ca’ del Poggio, è in programma il gran finale del Giro d’Italia under 23, la più importante corsa a tappe nazionale per i talenti emergenti del ciclismo. Dopo la semitappa mattutina Conegliano-Valdobbiadene (72,4 km), le sorti dell’edizione 2018 del Giro d’Italia under 23 saranno decise da una spettacolare prova a cronometro, lunga 22,4 km e dalle caratteristiche assolutamente inedite, che avrà il suo fulcro sul Muro di Ca’ del Poggio, a San Pietro di Feletto, dove sarà incoronato il vincitore del Giro d’Italia Under 23. Partenza alle 14.30 dalla Pieve di San Pietro di Feletto e arrivo in cima al Muro, l’ascesa simbolo delle colline del Prosecco. Uno spettacolo da non perdere, accompagnato da una grande Festa rosa aperta a tutti gli appassionati.

 

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP

LA GRANDE FESTA ROSA – La sfida contro il tempo che deciderà il Giro d’Italia Under 23 sarà accompagnata dalla Grande Festa Rosa che sabato 16 giugno, per tutta la giornata, animerà il Muro di Ca’ del Poggio. In attesa della partenza della gara a cronometro, prevista per le 14.30, il Giardino del Poggio accoglierà gli appassionati con stand enogastronomici, dj set e musica dal vivo, grandi ospiti e testimonial d’eccezione. L’accesso sarà libero e gratuito e sul Muro sarà anche allestito un maxischermo che permetterà di seguire, in diretta, la tappa Conegliano-Valdobbiadene e la prova conclusiva a cronometro. Disponibili ampi parcheggi gratuiti. Con un’avvertenza importante: le strade interessate dalla cronometro finale del Giro d’Italia Under 23 chiuderanno alle 13.30. Da quel momento in poi, circolazione vietata.

 

LO SPORT IN PASSERELLA A CA’ DEL POGGIO – Il mondo dello sport, e del ciclismo in particolare, si prepara a fare passerella a Ca’ del Poggio, in occasione della tappa conclusiva del Giro d’Italia Under 23. Tanti gli ex campioni delle due ruote annunciati sul Muro: da Francesco Moser allo spagnolo Alberto Contador, da Alessandro Ballan a Ivan Basso, da Flavio Vanzella a Davide Cassani e Marino Amadori, presenti rispettivamente in veste di dt azzurro e dt della Nazionale under 23. Attesi anche il campione paralimpico di tiro con l’arco, Oscar De Pellegrin, la pluricampionessa mondiale di pattinaggio artistico inline Silvia Marangoni e l’ex arbitro di calcio di serie A Gabriele Gava.

L’ESERCITO IN MOSTRA SUL MURO – L’Esercito partecipa agli eventi connessi con la tappa a cronometro del Giro d’Italia Under 23 con una propria area promozionale, allestita dalla 132^ Brigata corazzata “Ariete”. In mostra, accanto allo stand Esercito, ci saranno alcuni dei mezzi impiegati dai reparti della grande unità corazzata nelle attività operative contemporanee, tra cui il Veicolo Tattico Leggero Multiruolo (VTLM) “Lince” presente in due esemplari. Il Giro d’Italia Under 23 si inserisce in pieno nelle commemorazioni per il Centenario della Grande Guerra, cui l’Esercito partecipa con varie iniziative sul territorio che potranno essere conosciute presso lo stand della Brigata “Ariete”. Allo stesso tempo, il personale militare sarà a disposizione per illustrare con materiale foto e video le principali attività della Forza Armata e fornirà ai giovani visitatori che ne faranno richiesta le informazioni sulle diverse opportunità formative e professionali offerte dall’Esercito.

 

UNA CRONO RIVOLUZIONARIA – L’hanno definita crono in “Real time”. E’ la grande novità introdotta dall’edizione 2018 del Giro d’Italia Under 23. La prova contro il tempo che sabato pomeriggio, sul Muro di Ca’ del Poggio, chiuderà la rassegna rosa avrà caratteristiche rivoluzionarie. I migliori venti corridori della classifica generale non partiranno infatti, come di consuetudine, a intervalli fissi, ma prenderanno il via in ordine di graduatoria, con un intervallo di tempo equivalente al distacco in classifica. La prima a partire sarà la maglia rosa, poi toccherà agli altri corridori, secondo l’ordine di classifica. In questo modo, il primo ciclista a tagliare il traguardo sarà anche il vincitore del Giro d’Italia Under 23. Ad attenderlo, in cima al Muro, anche uno splendido trofeo in cristallo, realizzato dal maestro Marco Varisco.

 

IL GIRO UNDER 23 IN PILLOLE –  L’edizione 2018 Giro d’Italia Under 23 è scattata il 7 giugno, con il cronoprologo di Forlì (4,7 km), e si concluderà sabato 16 giugno con la prova a cronometro di Ca’ del Poggio. Al via, 29 squadre formate dai sei corridori ciascuna. Il totale della rassegna prevede complessivamente nove tappe, per un totale di 1.191 chilometri di corsa. Quattro le regioni attraversate: Emilia Romagna, Lombardia, Trentino e Veneto. Nato nel 1970, il Giro d’Italia Under 23 ha lanciato alcuni dei più grandi campioni degli ultimi decenni, da Moser a Battaglin, da Baronchelli a Pantani. Il valore tecnico dell’evento è anche testimoniato dal fatto che nove dei primi dieci classificati dell’edizione 2017 (a partire dal russo Pavel Sivakov, poi entrato nel Team Sky) sono diventati professionisti nella stagione in corso.

UNA STORIA ROSA  (E NON SOLO)  – Sul Muro di Ca’ del Poggio – unica salita certificata dalla Federazione ciclistica italiana – è transitato per quattro volte il Giro d’Italia: nel 2009, 2013, 2014 e 2017, quando l’ormai celebre salita di San Pietro di Feletto è stata anche sede di un Gran Premio della Montagna. La Corsa Rosa ha inoltre incrociato il Muro di Ca’ del Poggio

nel 2015, in occasione della cosiddetta Crono del Prosecco. Nel 2010 l’ascesa di San Pietro di Feletto ha anche ospitato il Campionato Italiano Professionisti, che sul Muro si è sviluppato per ben 11 tornate. Sono tantissime, però, le corse ciclistiche che, nell’arco della stagione, transitano sul Muro di Ca’ del Poggio. Due, in particolare, sono ormai diventate un appuntamento fisso: la Pina Cycling Marathon, il 15 luglio, e la Prosecco Cycling, che il 9 settembre riproporrà l’originale formula finalizzata a valorizzare un agonismo di qualità che tanto successo ha incontrato nelle edizioni 2016 e 2017. Sul Muro, in occasione della Prosecco Cycling, anche la tradizionale sosta a base di Prosecco e scampi che ogni anno incanta gli oltre duemila ciclisti che arrivano da tutto il mondo per pedalare nel cuore delle colline.

 

ITALIA, BELGIO E FRANCIA UNITE DA UN MURO – Il Muro di Ca’ del Poggio dal 2016 è gemellato con il Muro di Grammont, il mitico strappo del Giro delle Fiandre. Proprio l’ultima edizione del Giro delle Fiandre, lo scorso 1° aprile, con la visita di una delegazione italiana in Belgio, è stata l’occasione per rinsaldare i rapporti tra gli organizzatori dei due Paesi, nella prospettiva che il gemellaggio possa generare nuove opportunità per la promozione dei territori, anche grazie alla creazione di un circuito europeo che riunisca i muri legati alla storia del grande ciclismo. In quest’ottica, il prossimo luglio, in occasione del Tour de France, verrà sancito ufficialmente il gemellaggio che, alla salita di San Pietro di Feletto e al Muro di Grammont, unirà anche il Mûr-de-Bretagne, un’altra celebre ascesa che ha fatto la storia del ciclismo internazionale.

 

LA PIEVE DI SAN PIETRO E  IL SENTIERO DI PAPA GIOVANNI XXIII – Da Patriarca di Venezia aveva scelto San Pietro di Feletto come luogo ideale per ritirarsi in meditazione e preghiera. La memoria della sua presenza è ancora viva nei luoghi che egli frequentava. Tanto viva che a San Pietro di Feletto è sorto il comitato “Papa Giovanni XXIII”. Lo scopo? Intitolare un percorso al “Papa buono”, definendo una sorta di cammino cristiano che leghi scorci del territorio e luoghi d’arte al recupero di frammenti di vita di uno dei Papi più amati della storia. Il tutto, a poca distanza dal Muro di Ca’ del Poggio e da una millenaria Pieve visitata ogni anno da più di 7 mila fedeli.

Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

Gianfranco Josti: QUELLO CHE NON HO MAI SCRITTO, QUANDO MOSCA VOLEVA IL GIRO

CondividiLe polemiche geopolitiche sulla scelta di Gerusalemme riportano agli onori delle cronache le tante partenze …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *