SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO ASSOS
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > TRICOLORI
tricolori-6-jpg
TRICOLORI 6

TRICOLORI


Sarà  Fabio Aru ad indossare la maglia Tricolore per i prossimi 12 mesi.

 

Il sardo della Astana ha vinto  la prova in linea del Campionato Italiano 2017 dominando nettamente sulle strade di Ivrea. Il ventisettenne di Villacidro ha concluso in solitaria precedendo di una trentina di secondi un quartetto di inseguitori regolato da  Diego Ulissi (UAE Team Emirates).

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos

 

La prima parte del percorso prevedeva il tratto in linea di 150 chilometri dal via di Ivrea. In questo frangente di corsa hanno allungato tre corridori: il nome pesante davanti era quello di  Enrico Battaglin (Team LottoNL – Jumbo), accompagnato da  Simone Sterbini (Bardiani – CSF) e  Ettore Carlini (d’Amico – Utensilnord). Questo terzetto ha guadagnato un ampio margine, fino a toccare i 12 minuti di vantaggio su un gruppo sonnecchioso.

 

La corsa come previsto si è animata all’ingresso del circuito di Ivrea, 22 chilometri da ripetere quattro volte compresa l’insidiosa salita di La Serra. Il plotoncino ha iniziato a perdere irrimediabilmente terreno, con Astana e Androni particolarmente attive. I primi a cedere sono stati Sterbini e Carlini, ma anche Battaglin ha dovuto alzare bandiera bianca quando mancavano 35 chilometri al traguardo. Durante la terza e penultima scalata a La Serra è iniziata anche la corsa dei big:  Dario Cataldo (Astana Pro Team)  ha aperto il gas in testa, riducendo il gruppo a una quindicina di unità. Nella seguente discesa ha provato ad anticipare le mosse  Fabio Felline (Trek-Segafredo) seguito da  Gianluca Brambilla (Quick-Step Floors) ma questa coppia non ha avuto fortuna.

 

La corsa si è dunque decisa all’ultima tornata. Come nel giro precedente Cataldo ha approcciato a tutta la salita, preparando il campo per l’attacco di  Fabio Aru. Il sardo ha lanciato un primo affondo ai -16, a cui hanno provato a rispondere gli altri due favoriti della vigilia  Damiano Caruso (BMC Racing Team) e  Gianni Moscon (Team Sky). Per lasciare definitivamente la compagnia dei rivali Aru ha allungato di nuovo, e stavolta non c’è stato nulla da fare per nessuno. Il vantaggio del capitano della Astana è salito rapidamente a 30”, mentre dietro a Caruso e Moscon si accodavano  Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e  Rinaldo Nocentini (Sporting Clube de Portugal/Tavira).

 

Gli ultimi 14 chilometri, tutti in discesa e pianura, sono stati una passerella trionfale per  Fabio Aru che è anche riuscito ad incrementare il proprio vantaggio chiudendo il parata sul traguardo di Ivrea. La dedica non poteva che essere per l’indimenticato  Michele Scarponi, che proprio con il giovane compagno di team aveva scambiato il proprio completino nel ritiro primaverile.

 

La volata dei battuti è andata a  Diego Ulissi (UAE Team Emirates) che ha preceduto il sempreverde  Rinaldo Nocentini (Sporting Clube de Portugal/Tavira) e  Damiano Caruso (BMC Racing Team).

 

Una bella iniezione di fiducia dunque per  Fabio Aru che dopo alcuni mesi difficili e lo stop forzato prima del Giro si avvicina al Tour de France nel migliore dei modi, come già fece  Vincenzo Nibali nel 2014 (questo magari diciamolo sotto voce…).

 

fonte  direttaciclismo.it – Matteo Pierucci

Immagine
     

Condividi
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

Ti potrebbero Interessare

CLAUDIO PASQUALIN: “ADDIO PALLONE, MEGLIO IL CICLISMO”

Ha scoperto la bicicletta a 55 anni. Lui che, nella sua vita, per lavoro e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *