MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER

KJELL CARLSTROM, DALL’ESORDIO CON FANINI A GENERAL MANAGER DI FROOME


KJell Carlstrom un finlandese con la passione, poi diventata professione, per il ciclismo, scoperta nel suo paese di origine in Finlandia e sviluppata a livello agonistico in Italia con 11 anni di professionismo, prima di diventare l’attuale general manager della Israel Premier Tech, la squadra dove corre il fuoriclasse britannico ed ex compagno di squadra Chris Froome.

Canale InBici Media Group

“Andavo forte in tutti i percorsi, sia sul passo, sia a cronometro, sia in salita, senza però essere il numero uno in nessun tracciato – dice l’attuale dirigente ciclistico – e le tante vittorie conseguite in Finlandia mi fecero capire che se fossi voluto veramente competere con i migliori lo avrei dovuto fare in Italia dove c’erano le più forti squadre del mondo in una terra di grandi tradizioni in questo sport. A consentirmi questo trasferimento fu quello che poi diventò un mio ex compagno di squadra, Cristian Fanini. Vedendomi correre al Giro della Bulgaria e della Jugoslavia, rimase colpito dalle mie prestazioni indicandomi ad Amore e Vita Beretta, la squadra gestita da suo padre Ivano. Questo evento divenne realtà nel 2002, nonostante le difficoltà del momento perché spostarsi da un paese all’altro non era un fenomeno così naturale come lo è oggi. Superare le difficoltà che comporta un clima completamente diverso era un modo di vita che ignoravo. I social non erano così sviluppati come oggi che viceversa hanno una grande capacità di influire sul nostro umore ed anche gli effetti della comunicazione interattiva con la mia famiglia erano più difficoltosi.”

L’ambientamento con l’Italia

Carlstrom fece presto ad ambientarsi e adattarsi al ciclismo italiano.

“Intrapresi un viaggio verso una nuova vita accanto a gente nuova, con abitudini e lingua diversa dalla mia ma ebbi la fortuna di correre in una squadra che seppe mettermi a mio agio, arricchendomi dal punto di vista umano e soprattutto ciclistico approfondendo la mia professione passata, presente e spero futura.”

Amore e Vita, la società ciclistica che ha lanciato grandi campioni

Più ascoltiamo le esperienze con la squadra di Fanini da parte di grandi campioni e più ci accorgiamo che questa società ciclistica ha sempre progettato, in 39 anni di storia, la valorizzazione di giovani promesse che, una volta svincolate, hanno continuato l’ascesa nel grande ciclismo, come ad esempio lo stesso Carlstrom che ebbe l’opportunità, grazie ad Amore e Vita, di proseguire la sua carriera prima alla Liquigas e poi alla Sky, due fra le più forti squadre del mondo negli anni duemila, trovando forma fisica ma anche una interazione sociale per lui determinante. Tanti campioni del ciclismo, nel rilasciare le loro interviste a La Gazzetta di Lucca, ritengono questa la squadra ideale per formare futuri campioni e farli crescere adottando una specifica preparazione fisica per una formazione programmata da tecnici e preparatori volta a curare, gestire e potenziare le qualità fisiche generali dell’atleta, con l’aggiunta di un motivatore unico nel ciclismo professionistico come Ivano Fanini.

Le prime vittorie con Amore & Vita-Beretta

Un triennio con Fanini, diretto da due imolesi: prima Giuseppe Lanzoni, poi Roberto Pelliconi. Le luci della ribalta per Carlstrolm si accesero dopo l’adattamento del primo anno. Nel 2003 le sue prime vittorie internazionali: si impose in Austria nella 2.a tappa della Uniqa Classic e nella classifica generale del Saaremaa Velo Tour nell’Estonia Occidentale, e vinse l’ultima tappa del Tour of Queensland in Australia. Mentre nel 2004 vinse la prova su strada del campionato nazionale finlandese ed una tappa e classifica generale dell’Uniqa Classic in Austria, facendosi conoscere dalle grandi squadre del ciclismo internazionale, tanto da passare alla Liquigas e successivamente alla Sky nel biennio 2010-11.

“Questi successi con Amore & Vita – dice l’attuale general manager della Israel Premier Tech -mi fecero assaporare grandi emozioni dandomi una spinta in più per continuare, perché non c’è niente di meglio che vincere per trarre dallo sport stimoli in più per migliorare. Fanini mi dette in locazione alcune stanze della sua villa di Gragnano per essere sempre più vicino alla squadra. Il secondo anno mi permise di fare arrivare anche mia moglie ed allora raggiunsi l’apice della felicità: correvo in Italia, vincevo le prime corse e ripensavo quando da bambino sognavo tutto questo. Amore & Vita e Liquigas sono state per me due famiglie che ti ripagavano e gratificavano di tanto impegno e di tanta passione per una professione inseguita a lungo e fatta propria.”

Quattro persone che le vengono in mente ripensando al passato

“Ole Wackstrom, il mio primo allenatore. Colui che mi capiva studiando allenamenti appropriati alle mie caratteristiche. Per me fu un forte dolore quando tre anni fa è venuto a mancare. In Italia penso ogni tanto al mio amico Cristian Fanini, attuale team manager di Amore & Vita, a suo padre Ivano ed al mio ex D.S. Giuseppe Lanzoni. Tutti loro hanno contribuito alla mia formazione da ciclista e a consentirmi di aprire la mente nel diventare general manager e di rimanere nel ciclismo, un ciclismo però pulito e da sempre contrario a qualsiasi ombra di doping.

Attuale general manager della Israel, la squadra di Chris Froome

Le sue esperienze ciclistiche con Amore & Vita, Liquigas e Sky, hanno consentito a Carlstrom di maturare anche una volta attaccata la bicicletta al chiodo e di formarsi come D.S.  e General Manager, perchè il suo amore per il ciclismo è ancora tanto e forse più di quando correva.

“Il lavoro da general manager è molto più impegnativo e stressante, ma nello stesso tempo anche gratificante. Da ciclista ti occupi soltanto di te stesso ed al lavoro di squadra. Finita la corsa poi ci si rilassa in albergo. Invece da general manager non ci sono orari. Devi pensare a tutto: dai ciclisti, ai meccanici, alla logistica, a tutto il necessario che serve alla squadra e non hai mai un orario preciso di quando finiscono gli impegni di giornata.”

Dopo essere stato D.S. della Iam Cycling dal 2013 al 2016, per l’ex ciclista di Fanini si aprono le porte ad una squadra con licenza World Team: la Israel Start-Up Nation prima nota come Israel Cycling Academy e oggi Israel Premier Tech (con licenza Professional) del presidente canadese Sylvan Adams, residente a Tel Aviv, la squadra dove corre il fuoriclasse britannico Chris Froome, uno dei soli sette corridori ad aver vinto almeno una volta le tre corse a tappe più importanti: Tour, Giro e Vuelta. Ma anche la squadra che ha visto nell’ultimo Giro d’Italia indossare a Sestola, al termine della quarta tappa, la maglia rosa al trentacinquenne friulano Alessandro De Marchi. Carlstrom si è meritata questa fiducia dimostrando capacità di negoziazione dei contratti con i ciclisti ed una buona formazione nell’ambito del management sportivo.

Ci vuole parlare di questa squadra?

“Abbiamo un grande presidente come Sylvan Adams. A 40 anni scoprì la passione per il ciclismo diventando un bravo cicloamatore. Poi la Israel gli propose di diventare consigliere e lui accettò. Da consigliere a dirigente il passo fu breve fino a diventare l’attuale presidente e, grazie al suo interessamento e alla sua copertura economica all’RCS il Giro d’Italia del 2018 è partito per la prima volta da Israele. La nostra squadra vuole costruire un futuro puntando sui giovani anche se per il momento ci danno soddisfazioni atleti di esperienza. Abbiamo conquistato la prima vittoria al Giro d’Italia con Alex Dowsett ed indossato la maglia rosa con  Alessandro De Marchi. Poi abbiamo vinto anche tappe al Tour de France e molte altre corse molto prestigiose.

Che programmi avete per Froome?

” Crediamo molto in lui e che possa ripetere alcune delle sue grandi vittorie conquistate con Sky e Ineos. Froome è uno di quei corridori che nell’ultima generazione hanno dato maggiori emozioni agli appassionati di ciclismo internazionale. Lo conosco da molti anni. Alla Sky quando correvamo assieme, nelle corse a tappe dormivamo nella stessa camera. Fu lui a propormi di diventare direttore sportivo. Fra noi c’è sempre stata unità di intenti ed assieme al nostro presidente abbiamo progetti ambiziosi. Ma ora ripeto, l’importante è che lui recuperi la miglior condizione fisica”.

Da segnalare che nella Israel Premier Tech di Carlstrom corre anche un altro campione di fama mondiale scoperto anch’egli da Cristian e Ivano Fanini, il canadese, bronzo mondiale ai campionati 2018 di Innsbruck, Michael Woods. Un’altra grande soddisfazione per la famiglia Fanini.

 a cura di Valter NieriCopyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GELMI BANNER BLOG
Caserta Race Tour
GIST BANNER NEWS BLOG
BANNER THREEFACE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com