MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
marcello-bergamo-mtb-cup-jpg
MARCELLO BERGAMO MTB CUP

MARCELLO BERGAMO MTB CUP



Gianni Riconda tira la carretta da una vita e ancora non intende fermarsi, anzi, rilancia con delle iniziative sportive sempre più coinvolgenti come quella della “sua” Brik in Bike” giunta alla maggior età intitolata ad un amico fraterno quale era Franco Plano! A microfoni aperti e alla gradita presenza del primo cittadino Mario Enrico intervenuto in sede di premiazione, Caterpillar Riconda usa poche ma sentite parole che ci toccano tutti:” Posso solo ringraziarvi per la grande partecipazione che supera anche quella già corposa di Quaregna. Siete arrivati in ben 173 a decretare questo successo che non ci aspettavamo e che ci premia per tutti gli sforzi che sosteniamo rubando tempo alle famiglie, al lavoro e ai nostri interessi. Grazie davvero, siete la benzina che alimenta il nostro operato e vi invito alle prossime iniziative in cantiere con il Master MB Marcello Bergamo Cup che ci affianca da anni”.

Canale InBici Media Group

 

La gara, apparentemente facile, prevedeva 4 giri con circa 800 mt di dislivello totale che ha tagliato le gambe a parecchi ma non sicuramente al senior 2 Alessandro Maiuolo che realizza il miglior tempo assoluto( 1h-26’-10’’) dominando su Massimiliano Perona e Luca Cuffia, peccato davvero per lo spiacevole episodio che ha visto …volare fuori dal percorso il debuttante Biagio Borella, pare per un contatto più o meno volontario del  forte Battistella che scatena la giustificata reazione dei genitori dell’educatissimo ragazzo dell’Iride Cycling  Team che non poteva certo dissolversi nel single – trek del percorso. Ottima anche la prestazione senior 1 Alessandro Tonello che ha malmenato la sua categoria dalla quale solo Denis Cantone e Andrea Sberse hanno tentato una seppur timida reazione. Nulla di nuovo per la categoria dei debuttanti dove a vincere è sempre Simone Bum Bum Ballini, u … picciriddu che da crisalide è diventato farfalla e vola da una gara all’altra vincendole tutte, Niccolò Rovano e Matteo Revelchione si consolano col podio. Tenete d’occhio il primavera Philipp Gualtierotti perché ha dei numeri, ogni volta risulta convincente e determinato, sgusciante e sveglio domina sul suo compagno di squadra Marco Campesato e Andrea Belotti. Lo junior Roberto Busatta è un marcantonio di un metro e novanta che usa la testa e non solo per ragionare ma anche come scenografia, il suo casco infatti, sormonta una cresta nera che in confronto quella di Balotelli è ridicola, lo noti subito ai nastri di partenza e te lo ritrovi all’arrivo vittorioso con oltre tre minuti di vantaggio su Pietro Vitanza e Graziano Zanolla. Ma chi è questo federale Domenico Gotta che ha dominato nei veterani 2? E’ la prima vota che lo vediamo correre ma se infligge oltre due minuti a gente tosta come Loris Saporiti e Maciste  Agostinone deve aver la dinamite nella gambe. Prendiamo nota e lo marchiamo stretto ma intanto ci gustiamo la bella e convincente vittoria del .. cugino veterano 1 Mauro Rebeschi che prima batte Enrico Botta e Salvatore Giampà e poi si lamenta per la mancata presenza in gara … dell’igienista dentale che aveva promesso il bunga bunga. Nei gentleman 1 vince, e anche bene, Celestino Colla, un uomo che spiazza, semplice come l’acqua e buono come il pane che quasi si scusa per aver battuto gli amici-rivali Enry Pittaluga e Claudio Poggio ma chi ha davvero impressionato per foga e forza è stato senza dubbio il gentleman 2 Mauro Giacometti che infligge distacchi d’altri tempi a Gianmauro Giacometti , Silvio Piotti e al resto del cucuzzaro. Il super A Graziano Zanasca lo ricordiamo molto bene, è sempre stato una meccanica di precisione, una forza della natura, un campione completo e l’unico in grado di arginare Lucio Pirozzini incappato in guai meccanici. Anche ha Borgo ha imposto la sua legge, l’unica che conosce, quella di massacrare la sua categoria con Gianni Giachetti e Aldo Allegranza che sono gli ultimi ad arrendersi. Il super B Matteo Petrucci non è uomo dai luoghi comuni. E’ da persone come lui che ci s’innamora del ciclismo, il portacolori dei F.lli Oliva è tutt’altro che banale, arrivare primo è il suo mestiere e anche a Borgo lo vediamo trionfare, col suo sorriso colmo di serenità, su Gianni Roncon e Angelo Pionna. A giudicare dal boato che l’ha accompagnata quando è salita sul gradino più alto del podio vien da pensare che Cristina Ferla ( donne B)  è molto amata dal popolo della MTB locale e abbiamo molto gradito quella stretta di mano contornata da bacio alle avversarie Alessia Della Valle e Simona Etossi che suggella una giornata campale per lei e il Team Rive Rosse. La gara ci ha raccontato di un netto dominio ma ancor di più lo è stato quello della donna A Isabel Ana Costa , portoghese che ci ha abituati ad exploit di livello ma a Borgo ha esagerato su Elisa Mazzetto e Linda Fabris che sono arrivate quando “pagliughina” si era già cambiata e rifocillata al corposo ristoro a base di dolci e Palzola. Bella e corposa la premiazione nella piazza del paese che chiude una giornata campale di sport per tutti con  unanime audience per Gianni “Caterpillar” Riconda. Persone come lui aiutano l’Acsi , fanno movimento, creano interesse e s’ammazzano di lavoro per dare un prodotto di qualità alla base e i 173 di Borgo hanno gradito. Eccome!

 

Carmine Catizzone

 

 

 

 

VipTalisman34 v (800x529)
     
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BANNER THREEFACE
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Caserta Race Tour
SCOTT BANNER NEWS
GIST BANNER NEWS BLOG
GELMI BANNER BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com