MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
tirreno-adriatico-11-jpg
TIRRENO ADRIATICO 11

TIRRENO-ADRIATICO



Dopo l’annullamento della quinta frazione la Tirreno-Adriatico è tornata con una frazione entusiasmante in quel di Cepagatti.

Canale InBici Media Group

 

Ad imporsi è stato  Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) che ha superato negli ultimi metri  Peter Sagan (Tinkoff) in un duello dal sapore di classiche. Terzo posto per  Michal Kwiatkowski (Team Sky) e quarto per  Zdenek Stybar (Etixx – Quickstep) che si vede sfilare la maglia azzurra proprio dal fiammingo della BMC.

 

La corsa ha avuto un andamento lineare fino all’ingresso nel circuito conclusivo di Cepagatti. Pronti-via e dal gruppo sono evasi sei coraggiosi:  Mirko Selvaggi (Androni – Sidermec),  Valerio Agnoli (Astana Pro Team),  Stefano Pirazzi (Bardiani – CSF),  Ricardo Vilela (Caja Rural – Seguos RGA),  Nikolay Mihaylov (CCC Sprandi Polkowice) e  Federico Zurlo (Lampre – Merida). Il loro margine è rapidamente schizzato oltre i 5 minuti fino a che la Orica-GreenEDGE non si è messa in testa al plotone rimettendo i fuggitivi nel mirino.

 

Raggiunti i fuggitivi, la bagarre fra i big si è scatenata in occasione del secondo passaggio sotto la linea del traguardo, valevole come Traguardo Volante.  Peter Sagan (Tinkoff) ha sprintato per prendersi l’abbuono, e nell’impeto ha portato fuori dal plotone principale un gruppetto di una decina di atleti. A questi ha provato ad unirsi  Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) che però è stato riassorbito rapidamente dal lavoro della Orica.

 

Alla ruota di Sagan si sono portati la maglia azzurra  Zdenek Stybar (Etixx – Quickstep), il vincitore di Montalto  Fernando Gaviria (Etixx – Quickstep), l’ex iridato  Michal Kwiatkowski (Team Sky),  Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) oltre a  Matteo Trentin (Etixx – Quickstep),  Oscar Gatto (Tinkoff)  e  Daniele Bennati (Tinkoff). Questo drappello piuttosto eterogeneo ha trovato rapidamente l’accordo, con il solo Van Avermaet che ha deciso di non collaborare. Sagan e Stybar hanno sfruttato a fondo i compagni di squadra che avevano con sé riuscendo a giungere allo sprint ristretto con Van Avermaet e Kwiato. Proprio il vincitore di Ponferrada 2014 ha lanciato la volata; i suoi tre rivali si sono guardati e l’onere dell’inseguimento è toccato a Peter Sagan che involontariamente si è portato la serpe in seno. Van Avermaet infatti è rimasto passino fino ai -100 metri quando grazie alle energie residue ha superato l’iridato ed ha ottenuto la ventitreesima vittoria in carriera. Dietro di loro la volata di gruppo è andata a  Caleb Ewan (Orica GreenEDGE) che ha preceduto  Alejandro Valverde (Movistar Team) e  Sacha Modolo (Lampre – Merida).

 

In vista della cronometro individuale di domani la classifica generale è incredibilmente corta:  Greg Van Avermaet gode di soli 7” di vantaggio su  Zdenek Stybar e 8” su  Peter Sagan; di certo non si tratta di tre cronoman di razza, per cui la sfida di San Benedetto del Tronto sarà quantomai imprevedibile.

 

Matteo Pierucci

www.direttaciclismo.it

 

Immagine
     
GIST BANNER NEWS BLOG
GELMI BANNER BLOG
Caserta Race Tour
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
SCOTT BANNER NEWS
BANNER THREEFACE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com