SFONDO BANNER CHARLY GAUL
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
TOP Shimano
Home > gn > CEMENTO SOTTO IL PAVE’ DI ARENBERG: IL SETTORE SARA’ ANCORA PIU’ DURO?

CEMENTO SOTTO IL PAVE’ DI ARENBERG: IL SETTORE SARA’ ANCORA PIU’ DURO?

Importante modifica al settore di pavé di Arenberg, il più famoso e uno dei più duri tratti della Parigi-Roubaix. Secondo quanto riporta la pagina Facebook Les Amis de Paris-Roubaix, nei giorni scorsi è stato svolto un enorme lavoro per salvaguardare il pavé. Di conseguenza è stata presa la decisione di inserire, al di sotto del ciottolato, il cemento. Un lavoro molto lungo e faticoso, che ha portato a un cambiamento non solo estetico, ma anche alla durezza del settore in pavé.

Si dice che da tanti anni la Foresta di Arenberg non sia più uno dei tratti decisivi della Parigi-Roubaix, ma mantiene inalterato il proprio fascino. Un settore in pavé completamente dritto, con i ciottoli molto sconnessi, che mette a dura prova la resistenza di molti corridori.

Secondo il gruppo che si è occupato di questo restyling, la Foresta di Arenberg diventerà molto più dura da affrontare rispetto al passato. Come si legge sulla pagina Facebook, “prima l’erba copriva il pavé, quindi il settore era meno duro. Oggi, invece, i corridori sentiranno ancora di più le vibrazioni per colpa del cemento”.

Questa ristrutturazione del pavé di Arenberg è sicuramente suscitata a far discutere, anche perché sul lato sinistro della strada, dove prima c’era un piccolo fosso, ora c’è il cemento. Questo lavoro, secondo Les Amis de Paris-Roubaix, rende il settore di pavè simile al muro del Koppenberg, in Belgio, dove c’è un piccolo spazio su asfalto a bordo strada.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

DOPING, CICLOAMATORE SQUALIFICATO PER DUE ANNI

Riportiamo la comunicazione apparsa ieri sul sito di Nado Italia. La Prima Sezione del Tribunale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *