MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
Giro d'Italia 2020 - 103th Edition - 3rd stage Enna - Etna 150Êkm - 05/10/2020 - Geraint Thomas (GBR - Ineos Grenadiers) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2020

GIRO DI COMMENTI – ADESSO CHI LOTTA PER LA MAGLIA ROSA?

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Vedere Geraint Thomas nuovamente a terra al Giro d’Italia è un’immagine che fa male. Il vincitore del Tour de France 2018 aveva un conto in sospeso con il Giro, visto che nel 2017 proprio una caduta non gli ha permesso di portare a termine la corsa rosa. Sembra quasi che la corsa italiana sia indigesta un po’ a tutti i capitani del Team Ineos, la ex Sky: l’unico di loro che è riuscito a mettere le mani sulla maglia rosa è stato Chris Froome, nel 2018. Anche lui è stato molto sfortunato, in quanto tutti ricorderanno la sua caduta nella cronometro a Gerusalemme e la grande fatica fatta nelle prime tappe. Ma poi, con un’azione eccezionale, è riuscito a ribaltare le sorti di quel Giro d’Italia.

Giro d’Italia 2020 – 103th Edition – 3rd stage Enna – Etna 150Êkm – 05/10/2020 – Vincenzo Nibali (ITA – Trek – Segafredo) – Domenico Pozzovivo (ITA – NTT Pro Cycling) – photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2020

Il Monte Etna non è la parola fine sulla corsa rosa, è solo il primo arrivo in salita. Un test che ha fatto male a molti, in primis a Simon Yates, ma ha fatto bene ai nostri Vincenzo Nibali e Domenico Pozzovivo. Negli ultimi anni, il Giro è stata una corsa che ha lanciato nell’olimpo nomi molto importanti, come Tom Dumoulin o Richard Carapaz, vincitore lo scorso anno. Chissà se quest’anno potremo vedere qualche nome inaspettato lottare per la maglia rosa finale, come Wilko Kelderman (che si meriterebbe una vittoria importante) o lo stesso Caicedo, vincitore oggi. Ci sarebbe anche Pello Bilbao, un giovane di grandi speranze che si è già messo in evidenza in molte occasioni.

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

In questa situazione, mi verrebbe da dire che esiste una variante che ha un nome e cognome: Steven Kruijswijk. Il corridore olandese ha perso il Giro d’Italia nel 2016 dopo la cauta nella neve lungo la discesa del Colle dell’Agnello. Da quel giorno, sinceramente, lo abbiamo visto di nuovo competitivo solo nel 2019, quando ha chiuso il Tour in terza posizione nella classifica generale finale. Oggi non ha dimostrato di essere ancora al top, ma forse la squadra ha imparato dagli errori del passato. Mi viene da pensare che, già dopo l’Etna, potremo vedere una corsa rosa di grandi sorprese e di nomi inaspettati: in fondo il Giro d’Italia è anche questo.

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *