SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
Home > G News > GIRO D’ITALIA 2020, PERCORSO TAPPA 19: AD ASTI SPAZIO AI VELOCISTI DOPO 258 CHILOMETRI

GIRO D’ITALIA 2020, PERCORSO TAPPA 19: AD ASTI SPAZIO AI VELOCISTI DOPO 258 CHILOMETRI

Giornalista Sportivo, inviato speciale per Inbici Magazine


La più classica tappa di trasferimento. Tanti chilometri da macinare, pochi spunti tecnici prima della probabile volata. Partenza da Morbegno, in Valtellina, e arrivo ad Asti, in Piemonte dopo 258 chilometri: questa la 19esima tappa del Giro d’Italia 2020.

Il percorso

BIKE LIFE BANNER BLOG NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
Shimano Banner archivio Blog

L’unico appunto dal punto di vista altimetrico è il passaggio dal San Fermo della Battaglia, alle porte di Como, al chilometro 74. Per il resto, frazione completamente pianeggiante. Si segnalano i due classici traguardi volanti di Vigevano, chilometro 146, e Masio, chilometro 232.

Nel finale, sulla carta, spazio alle squadre dei velocisti. Il finale, in città, sarà come di consueto concitato a causa dei classici ostacoli urbani, come strettoie e spartitraffico. A 800 e 500 metri dal traguardo rispettivamente curva a sinistra e curva a destra: sarà fondamentale trovare le posizioni giusti in vista del rettilineo conclusivo.

L’altimetria

I favoriti

Nell’edizione 103 del Giro d’Italia ha già calato il poker, ma l’occasione di oggi è ghiottissima per Arnaud Démare, che potrebbe addirittura raggiungere quota 5 successi di tappa. Il francese della Groupama-FDJ, saldamente in maglia ciclamino, si è dimostrato essere lo sprinter più forte di questo Giro e, dopo oltre una settimana di sofferenza, può provare ad incrementare il proprio bottino.

Giro d’Italia 2020 – 103th Edition – 11th stage Porto SantÕElpidio – Rimini 182Êkm – 14/10/2020 – Arnaud Demare (FRA – Groupama – FDJ) – Peter Sagan (SVK – Bora – Hansgrohe) – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2020

Avversario principale Peter Sagan (Bora-hansgrohe), che però in una volata classica non ha mai dimostrato di avere le gambe per giocarsela fino in fondo con l’avversario. Partono alle spalle dello slovacco Elia Viviani (Cofidis) ed Alvaro Hodeg (Deceuninck-QuickStep), fino ad ora protagonisti di un giro opaco e senza squilli.

Giornalista Sportivo, inviato speciale per Inbici Magazine

GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
BIKE LIFE BANNER BLOG NEWS
Shimano Banner archivio Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *