LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
TOP Shimano
giro-50-jpg
GIRO 50

GIRO



Sesta tappa e seconda fuga vincente quest’oggi al Giro d’Italia.

 

Ad imporsi sul traguardo di Terme Luigiane è stato  Silvan Dillier al termine di un lunghissimo tentativo partito al chilometro 20 di gara. Lo svizzero della BMC ha preceduto in uno sprint a tre il corridore più quotato nel drappello di testa,  Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), e l’ex maglia rosa  Lukas Postlberger (Bora-Hansgrohe).

PISSEI BANNER BLOG+ NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

 

Diversamente dalle prime cinque tappe, i primi chilometri sono stati affrontati a tutta e vari scatti hanno preceduto il tentativo buono. A fare la differenza sono stati  Jasper Stuyven (Trek-Segafredo),  Lukas Postlberger (Bora-Hansgrohe) e  Mads Pedersen (Trek-Segafredo) a cui dopo qualche minuto si sono accodati  Simone Andreetta (Bardiani – CSF) e  Silvan Dillier (BMC Racing Team). Questo quintetto ha fatto il vuoto sulla salita di Barrittieri, guadagnandosi un margine massimo superiore agli 8 minuti.

 

La reazione tardiva del gruppo è arrivata soltanto 100 chilometri più avanti; Luca Scinto, DS della Wilier, infuriato con i suoi che hanno mancato la fuga li manda in testa a tirare, assieme ai Cannondale-Drapac. Nessun’altra squadra ha però collaborato fino ai -20, e i fuggitivi collaborando con continuità hanno difeso oltre 2 minuti fino ai piedi dell’erta finale. Il primo dei battistrada a mollare è stato  Mads Pedersen, sacrificato dalla Trek per il più quotato compagno. Nei primi metri della salita verso Terme Luigiane ha ceduto anche  Simone Andreetta, dunque la tappa si è giocata in uno sprint a tre fra  Lukas Postlberger,  Jasper Stuyven e  Silvan Dillier. L’austriaco, vincitore ad Olbia, è stato subito tagliato fuori, mentre fra il belga della Trek e lo svizzero della BMC il testa a testa è stato vibrante. Dillier è partito lungo, Stuyven ha provato a risalire ma la sua rimonta non è andata a buon fine.

 

Nulla di fatto fra i big, che hanno concluso appaiati in vetta allo strappo conclusivo; il quinto posto è andato a  Michael Woods (Cannondale-Drapac Pro Cycling Team) che ha preceduto tutti gli uomini di classifica.Ordine d’arrivo

 

Ordine d’arrivo

 

1 SUI DILLIER Silvan BMC RACING TEAM 4h 58’ 01” 0’ 12” 0’ 00”

2 BEL STUYVEN Jasper TREK – SEGAFREDO 4h 58’ 01” 0’ 09” 0’ 00”

3 AUT POSTLBERGER Lukas BORA – HANSGROHE 4h 58’ 13” 0’ 04” 0’ 12”

4 ITA ANDREETTA Simone BARDIANI CSF 4h 58’ 27” 0’ 01” 0’ 26”

5 CAN WOODS Michael CANNONDALE-DRAPAC PRO C.T. 4h 58’ 40” 0’ 39”

6 GBR YATES Adam ORICA – SCOTT 4h 58’ 40” 0’ 39”

7 NED KELDERMAN Wilco TEAM SUNWEB 4h 58’ 40” 0’ 39”

8 LUX JUNGELS Bob QUICK-STEP FLOORS 4h 58’ 40” 0’ 39”

9 NED MOLLEMA Bauke TREK – SEGAFREDO 4h 58’ 40” 0’ 39”

10 GBR THOMAS Geraint TEAM SKY 4h 58’ 40” 0’ 39”

 

fonte direttaciclismo.it -Matteo Pierucci

Immagine
     

Condividi
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
PISSEI BANNER BLOG+ NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

PAVIA, TRE CICLOAMATORI DENUNCIATI: SI DOPAVANO CON UN FARMACO VETERINARIO

  Tre cicloamatori della provincia di Pavia sono stati denunciati in quanto smerciavano, come riporta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *