SFONDO GIRO DI SARDEGNA
Sfondo Assos
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
SFONDO COSMOBIKE
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > GRAN FONDO BAGNO DI ROMAGNA
gran-fondo-bagno-di-romagna-jpg
GRAN FONDO BAGNO DI ROMAGNA

GRAN FONDO BAGNO DI ROMAGNA


La rassegna dell’Alto Savio, in programma l’8 giugno   nel cuore delle Foreste Casentinesi, entra nel circuito

del Campionato Ciclistico Italiano Interforze

 

INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

 

Ci saranno anche le divise il prossimo 8 giugno ai blocchi di partenza della Gran Fondo del Capitano by Nalini, la rassegna che, sotto l’egida dell’Acsi, trasformerà per il quinto anno consecutivo la località valligiana di Bagno di Romagna, nel cuore del Parco delle Foreste Casentinesi, nella capitale italiana del cicloturismo.

La Gran Fondo dell’Alto Savio, infatti, sarà valida come tappa ufficiale del Campionato Italiano Interforze, il circuito ciclistico riservato alle forze armate e alle forze di polizia, una sfida per uomini e donne in divisa e dipendenti civili delle forze dell’ordine appassionati di bicicletta.

 

Il Campionato Ciclistico Italiano Interforze – recita lo statuto del circuito – “è un’iniziativa che, tramite le prove ciclistiche più rappresentative in ambito nazionale, accomuna la passione per la bicicletta di uomini e donne in uniforme, con lo scopo di rafforzarne la coesione con un momento di sport e di sano spirito agonistico” (sono previste sia una graduatoria nazionale che una interregionale per premiare i corridori più bravi).

La rassegna, penultima tappa del circuito Romagna Challenge, abbina ancora una volta l’amore per la bicicletta alle delizie gastronomiche, garantite nell’occasione dal grande chef Paolo Teverini, che curerà personalmente il ristoro ed il pasta party.

 

Anche per questo motivo, quella di Bagno di Romagna è una delle gran fondo più attese dai cicloamatori di tutta italia, che si cimenteranno su un itinerario di grande suggestione che – attraversando le località di Santa Sofia e Badia Prataglia – comprende il Passo dei Mandrioli, il Passo della Calla e il Passo del Carnaio. Un tracciato tecnicamente impegnativo, più volte scelto dai ciclisti professionisti per le loro sedute di allenamento.

Due, come sempre, le proposte: un percorso lungo di 133 chilometri (3.421 metri di dislivello) e uno più corto che, tuttavia, rispetto all’ultima edizione, dovrebbe essere allungato e dunque avvicinarsi ai 100 chilometri (1938 di dislivello).

 

Alla consolle organizzativa Massimo Bardi, fondatore de “La Strada del Benessere” e anima di una rassegna sportiva che, dopo quattro edizioni, punta al definitivo decollo.

Per questo, in abbinamento alla manifestazione valligiana, da quest’anno ci sarà un main sponsor di grande prestigio: Nalini, marchio MOA Sport leader nel settore dell’abbigliamento da ciclista professionistico e amatoriale.

E nel regno dell’ospitalità, gli organizzatori hanno voluto fare un omaggio a coloro che anche quest’anno sceglieranno di pedalare domenica 9 giugno lungo le strade dell’appennino tosco-romagnolo. Tutti gli iscritti avranno, infatti, in regalo un soggiorno di una notte con prima colazione, che potrà essere sfruttato dal 10 giugno al 30 dicembre.

 

Quella offerta dall’Asd Le Strade del Benessere è una grande occasione per visitare e conoscere Bagno di Romagna, comune situato nella valle del Savio, con le sue terme e il suo grande patrimonio boschivo, che offrono un’occasione ideale per rilassarsi, passeggiare e curarsi immersi nel verde e in un’atmosfera di grande pace, senza dimenticare l’ottima gastronomia che unisce tradizione romagnola e toscana.

Il nome della Gran Fondo si ispira al Palazzo del Capitano, uno degli edifici più ricchi di storia di Bagno di Romagna: la sua facciata, animata dagli stemmi lapidei dei Capitani e Vicari, racconta la lunga dominazione di Firenze su questa parte di Romagna, iniziata nel 1404 e terminata nel 1923 con il passaggio del Comune alla Provincia di Forlì.

Il palazzo è sempre stato il fulcro del potere politico fin dal medioevo, quando fu residenza dei Conti Guidi di Bagno. Alla metà dell’Ottocento il palazzo divenne sede comunale poi caserma dei Regi Carabinieri e prigione mandamentale, subendo nel tempo profondi rimaneggiamenti. Completamente abbandonato nei primi anni Cinquanta del Novecento, è stato poi acquisito dall’Amministrazione Comunale che l’ha ristrutturato in varie fasi (1984, 1994).

 

Bagno di Romagna
     

Condividi
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER

Ti potrebbero Interessare

ANDALUCÍA: LA BARDIANI-CSF IN SPAGNA PER LA SECONDA CORSA A TAPPE DELLA STAGIONE

Seconda corsa a tappe della stagione la Bardiani-CSF. Dopo il debutto al Tour Colombia, seguito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *