SFONDO GIRO DI SARDEGNA
Sfondo Assos
SFONDO ASSOS
SFONDO COSMOBIKE
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > MENTE IN SELLA. SE VUOI VINCERE, LASCIA PERDERE!

MENTE IN SELLA. SE VUOI VINCERE, LASCIA PERDERE!

Ansia da prestazione, pensieri negativi e zavorre mentali? Impara l’arte di liberare la mente

PsicoYoga, training autogeno e rilassamento progressivo sono tecniche che, se allenate in modo corretto e praticate con costanza, influiscono positivamente sulle performance sportive.

I ciclisti sanno infatti che, nel proprio sport, è sempre utile sviluppare una buona consapevolezza dei messaggi che arrivano dal proprio corpo, ma non solo!

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Ogni atleta, in particolare, sa che quando mente e corpo sono in sintonia potrà accedere a quello straordinario “stato di flow” che accompagna le migliori performance di amatori e professionisti.

Quindi… “Se vuoi vincere, lascia perdere!”

Cosa significa questo mantra? Apparentemente può sembrare un controsenso lessicale! In realtà questo singolare concetto racchiude in sé il “segreto” delle migliori performance sportive.

La voglia frenetica di dare il meglio di sé, infatti, può portare i ciclisti ad assumere delle abitudini quasi “ossessive” e schemi di pensiero così rigidi e “imbalsamati” da impedire un reale miglioramento delle prestazioni. In poche parole, nella mente dell’atleta, si crea una tensione emotiva eccessiva.

E tensione eccessiva e schemi di pensiero troppo rigidi sono una combinazione disfunzionale nello sport.

In genere l’atleta che adotta questo tipo di atteggiamento mentale a lungo andare perde la capacità di ascoltare i segnali del proprio corpo e rischia così di peggiorare anziché migliorare le proprie performance.

Quanti corridori dicono di allenarsi duramente, mangiare in modo sano e tenere uno stile di vita da atleta per poi rimanere delusi di fronte a performance scadenti in gara?

Non se lo spiegano! E per questo ne consegue spesso frustrazione e senso di impotenza, quasi la prestazione non dipendesse dalle proprie capacità ma dalle “circostanze”.

Non è così! La responsabilità di una performance, nel bene come nel male, è sempre in mano all’atleta.

Dalle tecniche di rilassamento allo sviluppo di abilità mentali

Ecco allora la necessità, per gli amici ciclisti, di imparare a “lasciare andare”, inteso come capacità di modificare questi schemi di pensiero rigidi e disfunzionali.

Per fare ciò è necessario, in un primo momento, liberare la mente dalle tensioni e dai pensieri futili e negativi.

Tecniche come il rilassamento, lo psico yoga ed il training autogeno – che coordinano respirazione ed esercizi di contrazione e distensione muscolare abbinati alla ripetizione di frasi mentali – creano lo spazio ed i presupposti per raggiungere questo obiettivo.

Durante la pratica del rilassamento, ad esempio, l’atleta impara a liberare il corpo dalle tensioni e allena la sua mente alla concentrazione.

L’abilità di prendere distanza dalla fatica e dal dolore, la capacità di liberare la mente dai pensieri negativi e di trarre energia dal proprio corpo in stato di sofferenza: queste sono abilità mentali allenabili attraverso la pratica del Training autogeno e del rilassamento progressivo.

Quando la mente del ciclista è libera da distrazioni e pensieri negativi, ecco che la mentalità dell’atleta si adatta con più facilità al cambiamento, trova soluzioni rapide e creative di fronte all’imprevisto. In sintesi, l’atleta si sentirà maggiormente pronto e reattivo di fronte alle difficoltà.

 

Gli effetti del rilassamento diventano uno “stile di vita”

I benefici derivanti dal rilassamento non si limitano al momento dell’esecuzione degli esercizi, bensì si estendono ad ogni aspetto della vita dell’atleta, generando una sensazione di benessere diffusa anche in ambito lavorativo e famigliare.

Così l’atleta si sorprenderà a reagire con meno ansia e stress di fronte agli imprevisti ed alle difficoltà, anche lavorative, traendone giovamento nelle relazioni famigliari oltreché nella sfera sportiva.

In una fase iniziale è consigliabile rivolgersi ad un professionista psicologo per apprendere gli esercizi di rilassamento, dopodiché – una volta appresi – gli esercizi potranno essere svolti in modo autonomo dall’atleta.

 

Ti piacerebbe imparare gli esercizi del rilassamento e del training autogeno? Scrivimi una mail ad info@claudiamaffi.it per avere maggiori informazioni sui miei corsi di rilassamento per atleti.

Visita il mio sito: www.claudiamaffi.it

A cura della dott.ssa Claudia Maffi psicologa dello sportCopyright © INBICI MAGAZINE

 

Condividi
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

COSMOBIKE SHOW 2019: SI ARRICCHISCE IL PROGRAMMA REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA GAZZETTA DELLO SPORT

Grandi nomi del mondo bici si raccontano nel primo evento dell’anno che apre la stagione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *