MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
Nicolas Roche

SEMPRE PIÙ CADUTE NEL CICLISMO: ECCO COSA NE PENSA NICOLAS ROCHE


Una presa di posizione molto chiara. Il problema delle cadute nel ciclismo non ha certamente caratterizzato solo le ultime settimane di competizioni. Il rischio di un crash è sempre stato un tratto distintivo di questa disciplina, ma è chiaro che la ricorrenza di certi episodi alimenta il dibattito. Gli incidenti che hanno avuto per protagonisti grandi corridori del calibro di Wout Van Aert, Jonas Vingegaard, Remco Evenepoel e Primoz Roglic hanno posto l’accento sulla criticità.

Canale InBici Media Group

A pronunciarsi in merito è stato l’ex professionista Nicolas Roche. L’irlandese, in un lungo post sui social, è partito dalla sua esperienza, fatta di 14 stagioni e 12 vittorie nel massimo circuito internazionale: “Non mi sono mai veramente ripreso da quella caduta alla Vuelta a España 2019. Ha condizionato gli ultimi anni della mia carriera ma ancora oggi, a 5 anni di distanza ne soffro ancora le conseguenze. Non voglio nominare il corridore che ha causato quella caduta, non è questo il punto di questo post. Ricordo il mio primo anno da professionista, dovevo staccarmi a due chilometri dalla cima per prendere ciò che avrei poi dovuto dare in discesa ai miei compagni. La discesa era pensata per rifiatare. Recuperare energie. Il ciclismo è cambiato e già da molto tempo, l’evoluzione però è una cosa normale“.

GELMI BANNER BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GIST BANNER NEWS BLOG
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
SCOTT BANNER NEWS
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BANNER THREEFACE
Caserta Race Tour

Ritiratosi nel 2021, il punto di vista di Roche tiene conto dei rischi corsi dagli atleti: “Ho paura anche per i miei amici che gareggiano. La velocità è più alta, il livello generale si è alzato, la lotta per l’aerodinamica è anch’essa arrivata al limite del pericoloso, la potenza di frenata è maggiore, i corridori sono sempre più vicini, le squadre fanno di tutto per mettere pressione nei settori più pericolosi, le strade vengono fatte per far rallentare i veicoli mentre i ciclisti vanno sempre più forte. La posta in gioco è così alta che i corridori sono pronti a rischiare tutto per vincere. Folli le dosi di caffeina“.

E quindi in percentuali diverse sono tante le cause degli incidenti:La maggior parte delle volte è colpa dei corridori. Ma anche gli organizzatori cercano percorsi più spettacolari. Non credo ci sia una sola ragione. Le cadute hanno sempre fatto parte di questo sport, creano la drammaticità, ma questo è fuori controllo. Non è normale che gli atleti rischino la vita nella speranza di essere performanti. Speriamo che nel ciclismo possano lavorare tutti insieme per garantire uno sport più sicuro“.

POST SU INSTAGRAM DI NICOLAS ROCHE

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Nicolas Roche (@roche_nicholas)

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

GELMI BANNER BLOG
GIST BANNER NEWS BLOG
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BANNER THREEFACE
Caserta Race Tour
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *