MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
photo @Instagram: mattia_de_marchi / chiara_redaschi

Mattia De Marchi e la sua Unbound Gravel


Mattia De Marchi è una leggenda di The Traka. Ha vinto la prestigiosa gara di gravel, la distanza di 360 km, per tre volte di fila. Nel 2023, la vittoria lo ha aiutato a ottenere il titolo assoluto alla prima edizione della Gravel Earth Series.

Canale InBici Media Group

Tuttavia, Unbound Gravel è stato un obiettivo sfuggente, fino a quando ha ottenuto l’ultimo posto su un podio di cinque corridori quest’anno nella prova di resistenza di 200 miglia negli Stati Uniti.  Tuttavia, le sue prime due apparizioni si sono concluse con il 13° e il 41° posto.

GIST BANNER NEWS BLOG
GELMI BANNER BLOG
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BANNER THREEFACE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
SCOTT BANNER NEWS
Caserta Race Tour

Una nuova strategia per Unbound

Nella sua nuova approccio a Unbound, De Marchi ha usato una parola spesso ripetuta da qualsiasi veterano delle Flint Hills – “fortuna” – e ha anche parlato di ridurre lo stress. La fortuna è non avere grandi problemi meccanici. “Forse è il miglior giorno della tua vita, ma se non hai fortuna, forse no”.

Dopo alcune ore di gara, De Marchi ha detto a se stesso: “Basta correre con la paura che qualcosa vada storto! Spingi e divertiti!”.

Lachlan Morton (EF Education-EasyPost) ha vinto una volata a due contro Chad Haga (PAS Racing) in 9:11:47.

De Marchi ha gareggiato contro mostri sacri del ciclismo, come il campione del mondo di gravel in carica Matej Mohoric, il campione in carica di Unbound Keegan Swenson, il vincitore di una Parigi-Roubaix e olimpico Greg van Avermaet e Joris Nieuwenhuis, medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di ciclocross 2024.

De Marchi ha trascorso la settimana a Emporia, Kansas, con lo staff di Enough Cycling e due compagni di squadra, il nativo statunitense e secondo classificato alla gara di gravel Santa Val 2024 Morgan Aguirre e l’ex professionista su strada Frank Bettini.

“La prima regola quando si arriva in Kansas è andare al mercato e comprare molta pasta. I giorni prima della gara è pasta sia a cena o pranzo. E forse hai bisogno di un po’ di cibo spazzatura per la tua mente”, ha detto sia scherzosamente che seriamente. “Il primo anno, ricordo che iniziò senza pioggia e le ultime quattro ore, persi la top 10 perché non usai i miei occhiali a causa del fango, e i miei occhi, non vedevo niente. L’anno scorso, le ultime tre ore erano totalmente diverse, la tempesta e molta pioggia il giorno prima resero la gara molto fangosa. Quest’anno è stato meno stressante e si trovava in una condizione migliore, sia mentalmente che fisicamente.

All’età di 33 anni, De Marchi ha trovato il suo punto dolce nel gravel. “Il sogno di correre solo il Giro d’Italia non scomparirà mai completamente. Di tanto in tanto ci penserò, ma ho cambiato prospettiva.”

fonte cyclingnews.com

A cura della redazione di Inbici News24
Copyright © Riproduzione Riservata Inbici Media Group

BANNER THREEFACE
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
GELMI BANNER BLOG
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GIST BANNER NEWS BLOG
Caserta Race Tour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com