SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
TOP Shimano
europei-4-jpg

EUROPEI


Nella gara élite, che ha chiuso le prove contro il tempo, successo dello spagnolo davanti al belga Campenaerts e all’azzurro, capace

finale del percorso.

 

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos

 

PLUMELEC (FRA) (15/9) – “Ha dimostrato ancora una volta di essere un talento. A volte magari nemmeno lui crede nelle sue possibilità poi magari alla fine ci stupisce con delle prove eccellenti.”. Le parole di Marco Velo sono forse quelle che fotografano meglio Moreno Moser, giunto oggi terzo nella prima cronometro di un Campionato europeo aperta anche agli Elite e che regala all’Italia la quarta medaglia dopo due giorni di gara. Si chiude, con la giornata di oggi, la parte dei Campionati Europei 2016 di Plumelec dedicata alle cronometro e l’Italia incassa un bottino impensabile alla vigilia: 1 oro, 2 argenti e 1 bronzo. Nessun altra nazione ha fatto meglio, né per quanto riguarda le maglie conquistate (andate tutte a paesi diversi, oggi è stata la volta di Olanda, Russia e Spagna) né per numero di medaglie.

 

La prova Elite si è risolta negli ultimi chilometri, grazie soprattutto alla prodigiosa rimonta dell’azzurro. Ha vinto lo spagnolo Jonathan Nicolas Castroviejo, che ha chiuso i 45,5 chilometri in 58’13” alla media di 46,894. Alle sue spalle il belga Victor Campenaerts (già campione europeo tra gli U23 nel 2013), a 30”. Terzo il nostro Moser, autore di una progressione incredibile. Mentre, infatti, lo spagnolo è transitato 4° al primo rilevamento e 1° al secondo, e il belga rispettivamente 6° e 3°, l’azzurro è passato dal 17° posto del primo rilevamento all’8° del secondo al terzo finale.

 

Sapevo di stare beneha detto subito dopo l’arrivo -. In partenza non ho forzato perché avevo paura di esagerare. Anche subito dopo il primo rilevamento ho calato leggermente, poi negli ultimi 10 chilometri ho dato tutto e credo di aver fatto il tempo migliore di questo tratto. Questa mattina se avessi saputo di un bronzo avrei firmato tranquillamente…. adesso ho qualche rammarico. In alcuni momenti ho pensato anche che avrei potuto portare a casa l’oro.”

 

Una cronometro come questa di quasi un’oraaggiunte Velorichiede qualità particolari. Moreno, anche se non specialista, ha fondo, classe e condizione, grazie alla Vuelta, il suo risultato è meritato e vale come auspicio per il futuro.

 

Le sue qualità sono indiscutibili: al mondiale di Richmond, anche contro avversari di livello diverso, senza una particolare preparazione riuscì a chiudere al decimo posto, sempre con un grande finale. Questo dimostra che ha una grande attitudine per questo esercizio. Tutti noi sappiamo quanto è forte. Se solo fosse più puntiglioso a preparare alcuni appuntamenti potrebbe raccogliere grandi soddisfazioni.

 

 

Dispiaceconclude il tecnico azzurroper la prova di Fabio, che ha pagato una giornata no, perché è sullo stesso livello di Moreno. Entrambi uscivano dalla Vuelta, entrambi hanno una grande condizione. Bisogna a volte avere la fortuna di trovare il momento di condizione ottimale…”

Fabio Felline ha chiuso la sua prova visibilmente insoddisfatto, 25° a 3’38” dal vincitore: “Questa mattina ho deciso di non tenere troppo all’inizio. Mi son detto “vediamo dove arrivi o vinci o salti…” Volevo provare a fare la gara. Invece sono partito troppo forte e la gamba non mi ha seguito.

 

Domani (oggi) il programma prevede le prime gare in linea, per la categoria juniore. Alle 10 partono le donne (68,5 km), alle 14,00 è la volta degli uomini (123,3 km).

 

Intanto per quanto riguarda le gare delle donne elite e degli elite uomini, la Struttura Tecnica ha formalizzato due forfait che erano nell’aria. A causa di indisposizioni rinunciano agli Europei Gianluca Brambilla e Elena Cecchini. Al loro posto sono stati convocati Davide Villella della Cannondale Pro Cycling Team e Ilaria Sanguineti della Bepink. Quest’ultima ha raggiunto il raduno di Quiberon, in Bretagna, insieme al resto della squadra femminile questa sera.

 

ORDINE D’ARRIVO

1 Castroviejo Nicolas Jonathan (Spa) Km. 45,5 in 58’13″99, media 46,894

2 Campenaerts Victor (Bel) a 30″

3 Moser Moreno (Ita) a 39″

4 Oliveira Nelson (Por) a 56″

5 Roux Anthony (Fra) a 59″

6 Lampaert Yves (Bel) a 1’01”

7 Roglic Primoz (Slo) a 1’07”

8 Roche Nicolas (Irl) a 1’14”

9 Bialoblocki Marcin (Pol) a 1’16”

10 Vorobyev Anton (Rus) ‘

 

25 Felline Fabio (Ita) a 3’38”

 

 

Antonio Ungaro  (federciclismo.it)

 

Immagine
Immagine2
   

Condividi
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER

Ti potrebbero Interessare

L’IRONMAN DI CERVIA RADDOPPIA

Accordo prolungato fino al 2022. E da quest’anno ecco l’Ironman 70.3 Italy Emilia-Romagna su distanze …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *