GSG.COM  SKIN BANNER
DIPA BANNER TOP
CICLOPROMO TOPEAK - BANNER TOP NOVEMBRE
Nairo Quintana (COL - Team Arkea Samsic) - photo Luis Angel Gomez/SprintCyclingAgency

NAIRO QUINTANA, L’AVVOCATO: “È UN PROCESSO INSOLITO, MOLTO STRANO. L’UCI DICE CHE NON È DOPING, MA C’È LA SANZIONE”


Il caso Nairo Quintana ha sconvolto l’ambiente del ciclismo poco prima del via della Vuelta di Spagna. Il colombiano dell’Arkea-Samsic era pronto a partire per il grande giro iberico, invece è stato costretto a dar forfait per potersi difendere dall’accusa di aver assunto Tramadol durante il Tour de France.

Qualche giorno fa infatti è arrivata la notizia della positività dello scalatore a questa sostanza durante la Grande Boucle: per l’UCI non è nella lista delle sostanze dopanti, ma è comunque pericolosa per la salute dei corridori e dunque c’è stata la rimozione dei risultati per la gara transalpina.

Nairo Quintana (COL – Team Arkea Samsic) – photo Tommaso Pelagalli/SprintCyclingAgency©2022


Questo l’intervento a Marca dell’avvocato di Quintana:
“È un processo insolito. Sono cose nuove che l’UCI si inventa. Il Tramadol non è proibito dall’Agenzia mondiale antidoping. È un oppioide sintetico che viene utilizzato per alleviare il dolore. L’UCI ha deciso che non è doping, ma che c’è una sanzione“.

Prosegue: “Non credo ci sia un complotto, ma è tutto molto strano. Tutto è molto frettoloso e il regolamento dà solo 10 giorni. È stata usata una nuova tecnica del sangue secco, non so cosa sarà. Il Tramadol è consumato da chiunque perché è un ottimo antidolorifico. Nairo assicura che non l’ha consumato e io gli credo“.

Nairo Quintana (COL – Team Arkea – Samsic) – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2021

Tanti i dubbi: “Il campione non è stato analizzato da un laboratorio accreditato Wada. Non esiste un campione B e tutto è strano. La procedura potrebbe essere affidabile, ma non la persona che la esegue. Per i ricorsi al TAS ci sono 21 giorni, è strano che ce ne diano solo 10. C’è già la sanzione, ovvero la revoca del premio e dei punti del Tour. La cosa più assurda è che ti fanno pagare i kit e le procedure”.

L’obiettivo: “L’importante è revocare la sanzione. È importante guardare a cosa sta cercando l’UCI, perché se riguarda la salute, allora è da Wada. Stanno ignorando i diritti minimi di una persona. Non lo hanno avvisato né chiamato per una dichiarazione. Il regolamento dice che devono ascoltarlo”.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
CICLOPROMO NOVEMBRE MAGICSHINE- BANNER SOPRA TOP NEWS
SHIMANO BANNER S-PHYRE BLOG NOVEMBRE
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SCOTT BANNER NEWS
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
REVELETOR ALTO  BANNER NEWS 5
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *