MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
Trip
photo SprintCyclingAgency©2024

Alex Carera: Il ciclismo è lo sport migliore al mondo per promuovere un marchio


Al giorno d’oggi, i ciclisti di élite vengono pagati più che mai. Durante il recente Giro d’Italia, il vincitore della Maglia Rosa Tadej Pogacar ha guadagnato un incredibile importo di €414.751 solo attraverso i premi. Sebbene alcuni chiedano un tetto salariale per livellare il campo di gioco, il super agente Alex Carera è fermamente contrario all’idea in quanto ritiene che i ciclisti siano ancora sottovalutati.

Canale InBici Media Group

“Penso che un tetto salariale sia un’idea stupida, perché il sistema utilizzato nella NBA è un business totalmente diverso; ogni squadra di ciclismo ha regole diverse nel paese in cui è registrata,” risponde Carera alle discussioni sui tetti salariali in conversazione con la rivista portoghese Cycling Magazine. “Penso che la migliore squadra e il miglior manager siano i migliori perché riescono a trovare più denaro per avere i migliori corridori. Pertanto, un tetto salariale non è una soluzione per creare più competizione tra le diverse squadre.”

Tripoint
Caserta Race Tour
GIST BANNER NEWS BLOG
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BANNER THREEFACE
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS

Non c’è dubbio che, con l’ingresso di più denaro nello sport, la differenza tra le squadre più forti e persino il resto del World Tour stia crescendo. Squadre come UAE Team Emirates e Team Visma | Lease, per citarne due, potrebbero realisticamente schierare due o tre formazioni per il Tour de France 2024 con ambizioni realistiche per la maglia gialla. Un tetto salariale garantirebbe una maggiore competitività nell’intero gruppo?

Secondo Carera, le altre squadre devono semplicemente fare meglio nel trovare più sponsorizzazioni e nel fare soldi in altri modi per raggiungere il livello delle migliori, non trascinare le migliori al loro livello. In realtà, il super agente ha anche proposto ciò che ritiene essere una soluzione. “La soluzione è lavorare meglio nella nutrizione, nell’attrezzatura e così via. Il miglior manager trova anche il miglior talento,” spiega. “A volte non è perché hai più soldi che puoi essere sicuro di ottenere più risultati; altrimenti non ci sarebbe competizione.”

“L’impatto della commercializzazione è molto grande. A Red Bull o Decathlon, aggiungo Jayco o Tudor. È molto importante, perché sono esempi che, se le persone amano il ciclismo, le grandi marche amano il ciclismo. Questo beneficia non solo delle squadre e dei corridori, ma di tutte le parti, anche la stampa. Se c’è più denaro nel nostro sport, la torta è più grande e tutte le parti possono avere una fetta più grande,” conclude Carera. “Il ciclismo è lo sport migliore al mondo per promuovere un marchio, perché il nome del marchio è il nome della squadra. Quando il Real Madrid vince la Champions League, è il Real Madrid, non Emirates, anche con la maglia. Il ciclismo offre il miglior ritorno sugli investimenti per ogni sponsor. Ora ci sono alcune buone marche, ma in futuro spero che diverse aziende aprano gli occhi e investano più soldi nel nostro sport. Perché è il miglior sport al mondo!”

A cura della redazione di Inbici News24
Copyright © Riproduzione Riservata Inbici Media Group

BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
GIST BANNER NEWS BLOG
Tripoint
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BANNER THREEFACE
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Caserta Race Tour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com