MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
Trip
photo SprintCyclingAgency©2024

Lefevere critica aspramente la tappa gravel al Tour de France


Il Tour de France è una delle gare ciclistiche più impegnative al mondo e spesso premia il corridore più completo del gruppo. È una corsa decisa nelle montagne e nelle prove a cronometro, ma con diversi altri ostacoli ogni anno. Nel 2024, è prevista una tappa con numerosi settori di sterrato, che si svolgerà questa domenica. Ma il manager di Soudal – Quick-Step, Patrick Lefevere, non ne è affatto contento.

Canale InBici Media Group

“Non vuoi sapere quanto tempo, sforzo e ore-uomo sono stati investiti per preparare questa cronometro. Da Remco e dallo staff. Siamo venuti per vincere e ci siamo riusciti,” ha dichiarato Lefevere nella sua rubrica settimanale per Het Nieuwsblad. “Nessuno può toglierci questo, ma la mia frustrazione è: tutto il tempo guadagnato in classifica, per cui abbiamo lavorato così duramente, può essere perso molte volte in più domenica nella tappa di sterrato con un solo foratura.”

BANNER THREEFACE
Tripoint
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GIST BANNER NEWS BLOG
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Caserta Race Tour

Lefevere non si tira mai indietro dalle sue parole e in questo caso, spiega quanto non sia un fan di avere il gruppo del Tour de France che corre su una tappa del genere. Ci saranno oltre 32 chilometri di strade bianche sulla tappa di domenica che parte e arriva nella città di Troyes, suddivisi in 14 diversi settori.

“Sono felice di ammetterlo: sono completamente contrario. Un tempo ero contro la Strade Bianche, ma solo un idiota non cambia mai idea. Ora posso apprezzare quella corsa. Ma il sterrato al Tour? Assurdità, penso,” afferma. “Intrattenimento per le masse, pane e giochi. Un’immagine di Cadel Evans nel Giro d’Italia 2010 è impressa nella mia retina. Vinse la tappa di sterrato allora, ma tagliò il traguardo con una melma di sterrato incrostata che gli copriva tutto il viso. È così che vogliamo vedere i corridori? Il Tour premia il corridore più completo, ma ci sono dei limiti a questo.”

Questo non vuol dire che la tappa sia intrinsecamente sfavorevole per il capitano di squadra Remco Evenepoel, che finora sta avendo un Tour de France brillante e si trova secondo solo a Tadej Pogacar. Mentre Primoz Roglic è un corridore che è caduto più volte al Tour negli anni passati, anche sulle tappe con pavé, Tadej Pogacar è stato facilmente e rapidamente isolato da tutto il suo team nella selezione del vento della sesta tappa. Si prevede che Evenepoel avrà al suo fianco Yves Lampaert e Gianni Moscon per proteggerlo in questa tappa. Forse, non è alla pari del gruppo di supporto di Visma per Jonas Vingegaard.

“Per me: niente sterrato, nessuna salita così ripida da aver bisogno di una marcia da mountain bike e nemmeno pavé. ” argomenta Lefevere. “Capisco che l’ASO sia preoccupata per troppe ‘tappe di transizione’ e che i giovani possano trovare le tappe di arrivo in volata un po’ noiose. Ma il rimedio non è il luna park di un plotone del Tour sullo sterrato.”

A cura della redazione di Inbici News24
Copyright © Riproduzione Riservata Inbici Media Group

Tripoint
SCOTT BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Caserta Race Tour
BANNER THREEFACE
GIST BANNER NEWS BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com