MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
Trip
photo Image credit: Getty Images

Visma-Lease a Bike reintroduce un protocollo parziale COVID-19 al Tour de France 2024


Come precedentemente menzionato da cyclingnews.com, le mascherine, i gel disinfettanti per le mani e i test PCR: se pensavamo che fossero ormai un ricordo nel ciclismo, scordiamocelo. Visma-Lease a Bike ha reintrodotto un protocollo parziale COVID-19 al Tour de France 2024, come riportato da Wielerflits giovedì mattina, dopo che sono emersi nuovi casi di coronavirus, uno dei quali ha coinvolto il loro team.

Canale InBici Media Group

GIST BANNER NEWS BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
BANNER THREEFACE
Caserta Race Tour
Tripoint
SCOTT BANNER NEWS

L’intero team, sia lo staff che i corridori, ha indossato mascherine sull’aereo per Firenze per il Grand Départ, ha riportato il sito web olandese, e saranno effettuati test rapidi COVID-19 sull’intera squadra ogni giorno. In caso di ulteriori controlli, verrà utilizzata una speciale macchina per i test PCR. Le mascherine sono nuovamente raccomandate nei luoghi in cui si radunano grandi numeri di persone, anche se non è chiaro se il team le indosserà stasera durante la conferenza stampa, dove è atteso un certo numero dei loro migliori corridori, prima della presentazione del team. Chiunque abbia sintomi simili a raffreddore o influenza verrà messo in isolamento.

“Non sarà facile convincere tutti della necessità di questo protocollo”, hanno dichiarato le fonti di Visma-Lease a Bike a WielerFlits. “Ma se si considera quanto investiamo nel Tour de France, è solo logico che si cerchi di evitare che il COVID-19 entri nel team”.

Questa settimana è stata annunciata l’assenza di Sepp Kuss, importante corridore di supporto in montagna per Jonas Vingegaard, a causa del suo mancato recupero da un recente caso di COVID-19. Kuss ha ricevuto risultati negativi ai test più volte prima di risultare positivo, e il suo recupero completo sta richiedendo più tempo del previsto.

In altre squadre, David Gaudu (Groupama-FDJ) ha recentemente contratto il COVID-19, ma è tornato a gareggiare al Tour dopo essersi saltato i Campionati Nazionali Francesi per garantirsi un completo recupero, mentre Tao Geoghegan Hart (Lidl-Trek) ha dovuto ritirarsi dal Tour a causa di una costola fratturata in seguito a una caduta e un’infezione da COVID.

Introdotte nel 2020 durante la diffusione della pandemia nel mondo, la maggior parte dei protocolli COVID-19 nel ciclismo sono stati finalmente rimossi o non resi più obbligatori dall’UCI all’inizio di questa stagione, molto più tardi rispetto a molti altri sport.

Ciò è seguito da una riduzione delle misure più rigorose all’inizio del 2023, come il test obbligatorio negativo per il COVID-19 per tutti i partecipanti e i membri della comunità ciclistica prima di partecipare agli eventi. Ma significative parti del protocollo sono rimaste in vigore.
Durante la stagione 2023, ad esempio, tecnicamente era ancora richiesto ai corridori di indossare una mascherina fino a pochi minuti prima della partenza, e una quarantena limitata per i corridori infetti era obbligatoria.

Anche dopo che tali restrizioni sono state eliminate all’inizio di questa stagione, l’UCI ha continuato a raccomandare alcune pratiche.

A cura della redazione di Inbici News24
Copyright © Riproduzione Riservata Inbici Media Group

BANNER THREEFACE
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Tripoint
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
SCOTT BANNER NEWS
GIST BANNER NEWS BLOG
Caserta Race Tour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com