GSG.COM  SKIN BANNER
FINISH LINE CICLO PROMO BANNER TOP
ITALIAN GRAVEL TROPHY BANNER TOP
Paris Roubaix 2021 -118th Edition - Denain - Roubaix 257,7 km - 03/10/2021 - Wout Van Aert (BEL - Jumbo - Visma) - photo Tim van Wichelen/BettiniPhoto©2021.

WOUT VAN AERT: “LA SCONFITTA NELLA CRONOMETRO MONDIALE È STATA DURA DA DIGERIRE E HA AVUTO DELLE CONSEGUENZE…”


Per il terzo anno consecutivo Wout van Aert (Jumbo-Visma) si è aggiudicato il premio del Flandrien of the Year nel Gala di fine stagione di Het Nieuwsblad. Un riconoscimento che al femminile è andato a Lotte Kopecky (Liv Racing).

Il 27enne belga, che quest’anno ha vinto tre tappe del Tour de France, le Classiche della Gent-Wevelgem e delll’Amstel Gold Race, argento olimpico nella prova in linea su strada e sul podio della Milano-Sanremo totalizzando 13 vittorie stagionali, si è potuto fregiare di quest’ulteriore riconoscimento. Nella votazione van Aert ha preceduto Tim Merlier (Alpecin-Fenix), vincitore di una tappa del Tour de France, e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo). Remco Evenepoel ha concluso in quinta piazza in questa graduatoria.

 

SCOTT BANNER NEWS
KTM AERO BANNER NEWS 5
Shimano Banner archivio Blog
SHIMANO BANNER BLOG
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6

A margine di questo evento, il corridore della Jumbo-Visma si è pronunciato su quello che è accaduto nel 2021: “Ho disputato un’annata, confrontandomi intensamente con i migliori e ottenendo buoni risultati, ma è chiaro che ci sia ancora tanto da fare“, le parole del belga riportate da Cyclingnews.

Paris Roubaix 2021 -118a Edizione – Denain – Roubaix 257,7 km – 03/10/2021 – Wout Van Aert (BEL – Jumbo – Visma) – foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2021.

Tiene banco ancora quanto accaduto nei Mondiali su strada nelle Fiandre, con quell’undicesimo posto finale che stride non poco: “Mi aspettavo chiaramente molto di più. Ho trascorso un periodo complicato, visto anche il secondo posto nella cronometro individuale (alle spalle di Filippo Ganna, nota di redazione). Soprattutto perché nelle settimane successive ho corso la Parigi-Roubaix e anche in quel caso il riscontro non è stato soddisfacente. Se fossi stato sei secondi più veloce nella crono, il titolo sarebbe arrivato e sicuramente avrei chiuso al meglio l’annata“, le considerazioni di van Aert.

Trascorse le vacanze in Italia, nello specifico in Puglia, il ciclista sta ricaricando le pile in vista di un 2022 che lo vedrà protagonista sicuramente nelle corse di un giorno. Non resta che attendere.

a cura del nostro partner OA Sport – www.oasport.it Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
SCOTT BANNER NEWS
KTM AERO BANNER NEWS 5
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6
SHIMANO BANNER BLOG
Shimano Banner archivio Blog
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *