SFONDO ASSOS
venerdì , 15 Novembre 2019
INBICI TOP CHALLENGE BANNER TOP
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
Home > Top News > DOPING, L’AMAREZZA DEL LUCCHESE FANINI: “STUPISCE CHE SIA COINVOLTA UNA SQUADRA POCO VINCENTE”

DOPING, L’AMAREZZA DEL LUCCHESE FANINI: “STUPISCE CHE SIA COINVOLTA UNA SQUADRA POCO VINCENTE”


Tra i più amareggiati, all’indomani dello scandalo doping che ha travolto il ciclismo dilettanti, è il lucchese Ivano Fanini, patron della squadra ciclistica Amore e Vita, uno che conosce vita, morte e miracoli del ciclismo toscano:

“Lucca è una città importante per il ciclismo. E le persone coinvolte abitano vicino a me e le conosco bene. Mi meraviglia, comunque, che sia coinvolta una squadra che ha vinto veramente poco”. Da anni in prima linea nella lotta al doping, Fanini – intervistato dall’Ansa – si dice profondamente rattristato per la vicenda, anche perché – dice – “abbiamo ormai perso il conto dei morti per uso di farmaci proibiti. Ma nel ciclismo con la Federazione italiana e l’Uci, e grazie anche alle forze dell’ordine, in questi ultimi anni abbiamo fatto passi da giganti.

 

ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE 2020 BLOG + NOTIZIE
ISTRIA Granfondo banner blog
Banner dentro Notizia Assos
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
BANNER PISSEI BLOG + DENTRO NOTIZIE SETTEMBRE
Banner archivio Blog - Shimano

I controlli sono più severi e il fenomeno doping è calato. Il futuro è dei corridori puliti, ma come sempre c’e’ chi bara e prima o poi viene beccato. Negli ultimi anni abbiamo visto coinvolti anche quasi tutti i corridori più significativi. Ma noi in Italia abbiamo il campione più pulito, Vincenzo Nibali, un esempio per il mondo”.

 

BANNER PISSEI BLOG + DENTRO NOTIZIE SETTEMBRE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner archivio Blog - Shimano
Banner dentro Notizia Assos
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
ISTRIA Granfondo banner blog
INBICI TOP CHALLENGE 2020 BLOG + NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *