MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
CICLO PROMO COMPONENTS TOP BANNER GARDIA
Nicolò Buratti del Cycling Team Friuli - Foto: Mario Zannoni

UNDER 23. BURATTI VINCE ANCHE CAPODARCO. 2° DE PRETTO


E’ un clamoroso bis quello messo a segno quest’oggi a Capodarco di Fermo (Fm) da Nicolò Buratti: il 21enne friulano di Corno di Rosazzo (Ud), ad appena 48 ore di distanza dal successo conquistato sul traguardo di Poggiana, infatti, ha centrato un’altra vittoria internazionale di assoluto prestigio in terra marchigiana.

BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
SHIMANO BANNER Banner GENNAIO
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
CICLOPROMO GENNAIO LIMAR - BANNER SOPRA TOP NEWS



Nicolò Buratti del Cycling Team Friuli conquista l’edizione numero 50 del Gran Premio Capodarco. Sul secondo gradino del podio sale De Pretto e sul terzo Marcellusi. Tutto si gioca sull’ultima ripetizione del “mitico” muro. Al via 173 corridori in rappresentanza di 36 formazioni. 

E’ Nicolò Buratti del Cycling Team Friuli il vincitore dell’edizione numero 50 del Gran Premio Capodarco – Comunità di Capodarco – Memorial Fabio Casartelli – Corsa per la solidarietà, gara internazionale per under 23 di 180 chilometri, organizzata a Capodarco di Fermo dal G.C. Capodarco, dalla Comunità di Capodarco e dalla Società Cicloamatori Offida. Tutto si decide sull’ultimo muro, dove i sei fuggitivi (Reuben Thompson del Groupama – FDJ, Davide De Pretto della Zalf Euromobil Fior, Martin Marcellusi della Bardiani CSF Faizanè, Giacomo Villa della Biesse-Carrera, Nicolò Buratti del Cycling Team Friuli e Adrien Maire dell’Avc Aix en Provence) si danno battaglia e alla fine a vincere è Buratti, davanti a De Pretto e a Marcellusi. Per il corridore del Friuli-Venezia Giulia, classe 2001, questa è la quinta vittoria stagionale, che arriva dopo quella dello scorso 14 agosto a Poggiana (TV).

Poggiana- Nicolò Buratti


Dopo la consueta e doverosa commemorazione al monumento all’indimenticato Fabio Casartelli i 173 partenti si alzano sui pedali e danno inizio alla corsa. Al via 36 formazioni. Dopo alcune brevi fughe attorno al chilometro 26 in testa si portano Matteo Milan (Cycling Team Friuli), Oleksandr Smetaniuk (Eurocar Gs Cycling Team) ed Enzo Paleni (Groupama – FDJ), che poi rimane solo al comando. Dopo diversi chilometri, a lui si accoda Matteo Miccoli (Gragnano Sporting Club). I due attaccano la prima ripetizione della salita di Capodarco con 12’’ di vantaggio. Lungo le rampe dell’ascesa Paleni resta di nuovo solo al comando, arrivando a superare il minuto di vantaggio. All’inseguimento del fuggitivo si porta poi Kevin Pezzo Rosola (Tirol KTM Cycling Team), che al chilometro 83 riprende Paleni.

Attorno al chilometro 112 sui fuggitivi piombano dieci unità. I 12 restano poi in nove, sui quali al chilometro 116 piombano 10 corridori. Diciannove al comando, che vanno poi sgranandosi pedalata dopo pedalata fino a rimanere in 13 al chilometro 146. A cinque chilometri dal passaggio sui 13 rientrano alcuni ex compagni di fuga, che poi si staccano di nuovo. In vista della prima ripetizione del muro inizia la bagarre e dopo il GPM al comando si forma un drappello composto da Thompson, De Pretto, Villa, Maire, Buratti e Marcellusi, alle cui spalle è segnalato un gruppetto inseguitore di nove unità. I sei fuggitivi arrivano però indisturbati a giocarsi la vittoria. Ultimo muro. Inizia la battaglia. Il resto è storia.


Il podio – Foto: Mario Zannoni

Grande emozione e soddisfazioni in ammiraglia CTF, con i tecnici Andrea Fusaz e Alessio Mattiussi visibilmente emozionati: “Oggi tutto ha girato alla perfezione. La squadra ha interpretato la corsa così come avevamo chiesto nel corso della riunione pregara: Fran Miholjevic ha fatto un grande lavoro inserendosi nella fuga e poi ci ha pensato Nicolò a mettere la ciliegina sulla torta. Avevamo preparato questi appuntamenti di Ferragosto per essere protagonisti ma Buratti si è superato riuscendo a vincere domenica a Poggiana e tenendo il passo degli scalatori anche oggi” hanno sottolineato Fusaz e Mattiussi. “Questi successi sono il frutto di tutto il lavoro svolto in questi anni, degli allenamenti invernali e delle esperienze all’estero che hanno fatto crescere l’intera squadra e valorizzato il talento di Nicolò. E’ un atleta veloce che però ha saputo completarsi diventando compe titivo anche sui percorsi misti e su quelli più esigenti come Capodarco”.

Ordine d’arrivo:

1) Nicolò Buratti (Cycling Team Friuli), che copre 180 chilometri in 4:15:29 alla media di 42,273 km/h,

2) Davide De Pretto (Zalf Euromobil Fior) a 3’’

3) Martin Marcellusi (Bardiani CSF Faizanè) a 7’’

4) Reuben Thompson (Groupama – FDJ) st

5) Giacomo Villa (Biesse-Carrera) a 9’’

6) Adrien Maire (Avc Aix en Provence) a 16’’

7) Alex Tolio (Bardiani CSF Faizanè) a 1’31’’

8) Florian Lipowitz (Tirol KTM Cycling Team) a 1’33’’

9) Finlay Pickering (Groupama – FDJ) st

10) Giovanni De Carlo (Carnovali Rime) a 1’49’’

Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
CICLOPROMO GENNAIO LIMAR - BANNER SOPRA TOP NEWS
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
SHIMANO BANNER Banner GENNAIO
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *