MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
Trip
photo Bettiniphoto.net

25 anni il Tour della Rinascita … Che fine ha fatto la US Postal?


L’edizione del 1999 è stata soprannominata il “Tour della rinascita”, arrivando 12 mesi dopo lo scandalo Festina che aveva scosso lo sport fino alle sue fondamenta. Il doping diffuso nel gruppo era stato svelato in modo scioccante e, dopo che il Tour del 1998 era riuscito a raggiungere Parigi, si supponeva che lo sport avesse voltato pagina e iniziasse su un nuovo, pulito, ardesia.

Canale InBici Media Group

Il Tour de France del 1999 è stato il primo di una serie di sette Tour successivi che non hanno un vincitore. L’uomo in maglia gialla sul podio a Parigi in tutte quelle occasioni era, ovviamente, Lance Armstrong, il sopravvissuto al cancro che ha scritto una storia che si è rivelata, si è scoperto, troppo bella per essere vera.

ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Caserta Race Tour
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
Tripoint
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
BANNER THREEFACE
SCOTT BANNER NEWS
GIST BANNER NEWS BLOG

Come menzionato in precedenza da cyclingnews.com, molte cose sono cambiate negli ultimi 25 anni. La confessione finale di Armstrong sul doping, dopo anni di indagini e cause legali, ha scosso lo sport. I ciclisti di quella squadra US Postal per il Tour del 1999 erano tutti, in misura diversa, coinvolti nella tempesta.
Ma come si sono sistemati ora che la polvere è calata? Come trascorrono le loro giornate? E qual è il loro rapporto non solo con Armstrong ma con il ciclismo?

Lance Armstrong è il più famoso di tutti i tempi, noto per la sua ascesa e caduta che ha creato una delle storie più straordinarie nella storia dello sport. Nonostante sia stato bandito a vita dal ciclismo professionistico, si è riabilitato negli ultimi anni attraverso il lancio del suo podcast “The Move” e la fondazione di WEDU, una comunità per gli appassionati di sport endurance. Oltre a ciò, è coinvolto in investimenti tramite Next Ventures e continua a essere attivo nel campo della beneficenza. Tuttavia, è il podcast “The Move” che lo ha riportato alla ribalta pubblica in modo regolare.

Tyler Hamilton  attualmente gestisce un’attività di coaching nel ciclismo. Tuttavia, ha anche un lavoro “normale” come consulente finanziario presso il Black Swift Group. Dopo una carriera segnata da successi e scandali legati al doping, Hamilton ha trovato sollievo nel raccontare la sua storia e ha scritto un libro esplosivo, “The Secret Race”. La sua transizione dalla carriera sportiva al mondo degli affari testimonia il potere del lasciar andare i segreti e il loro peso.

Pascal Deramé ha avuto una carriera relativamente modesta, con un’unica vittoria al suo attivo. Dopo il ritiro, è rimasto coinvolto nel ciclismo a livello amatoriale in Francia, diventando direttore della squadra amatoriale U Nantes nella sua Bretagna nativa, con un particolare focus nello sviluppo dei giovani talenti. Tuttavia, è stato licenziato nel 2017 a causa di problemi finanziari della squadra. Dopo il licenziamento, sembra che abbia tagliato tutti i legami con il ciclismo e abbia tentato senza successo di aprire un supermercato nei dintorni di Nantes. Si dice che attualmente viva da qualche parte tra i vigneti di Nantes.

George Hincapie è stato un fedele compagno di squadra di Armstrong e questo rimane ancora oggi. È stato l’unico corridore al fianco del texano in tutte e sette le sue “vittorie” al Tour de France, ed ora è il suo partner commerciale e co-conduttore di The Move.
Con una corporatura più grande e pesante, Hincapie era più un esperto delle classiche, salendo sul podio alla Parigi-Roubaix e al Tour delle Fiandre e vincendo tre titoli nazionali di corsa su strada negli Stati Uniti. Per questo motivo, è stato impiegato nel ruolo di gregario versatile e la sua importanza è stata sottolineata dalla sua lista di corse al servizio di Armstrong. Infatti, solo un corridore nella storia ha partecipato a più Tour dei suoi 17. Dopo il primo ritiro di Armstrong, Hincapie ha aiutato Alberto Contador a vincere il Tour de France nel 2007, prima di unirsi al promettente Mark Cavendish alla Columbia, e poi conquistare un’altra maglia gialla con Cadel Evans alla BMC nel 2011. Ha infine confessato di aver fatto uso di sostanze dopanti nel 2012 dopo la pubblicazione della Decisione dell’USADA, anche se ha sostenuto di aver gareggiato pulito dopo il 2006.
Ha poi lanciato diverse iniziative commerciali, soprattutto insieme al fratello Rich, laureato in economia. La maggior parte ruotano attorno al ciclismo, ma la coppia ha anche aperto una lussuosa casa per gli ospiti in South Carolina, chiamata Hotel Domestique, che comunque rimanda sempre al ciclismo. Rich aveva già fondato Hincapie Sportswear, un marchio di abbigliamento ciclistico, nel 2003, e George si è unito una volta ritirato. Il marchio sarebbe stato il principale sponsor di un’altra iniziativa congiunta, una squadra ciclistica statunitense fondata nel 2012 come squadra feeder per la BMC Racing. Nonostante abbia lanciato talenti come Toms Skujins e Joey Rosskopf prima di diventare una squadra ProContinental nel 2018, la pandemia è stata un duro colpo per la struttura e le sue prospettive di competere in Europa, e così è stata chiusa nel 2020.
I fratelli Hincapie hanno aggiunto un altro ramo al loro marchio omonimo, sotto forma di una serie di Gran Fondos, che ora conta cinque eventi in tutti gli Stati Uniti. Incredibilmente, uno dei due figli di George, Enzo, ha vinto l’evento di Chattanooga nel 2022 all’età di soli 13 anni. Suo padre ha pedalato come gregario di lusso quel giorno e continua a pedalare intensamente, che sia in Carolina del Sud o in strada con The Move. 

Jonathan Vaughters non ha avuto un ruolo rilevante nel Tour de France del 1999, uscendo di scena nella seconda tappa mentre il gruppo si divideva sulla strada esposta alle maree che collega l’isola di Noirmoutier alla Francia continentale. Tuttavia, da allora ha avuto il ruolo più prominente nel ciclismo professionistico di chiunque nel team.
Vaughters è il direttore generale del team EF Education EasyPost, che sta attualmente disputando il loro 17° Tour de France consecutivo – una storia di successo di per sé. Il suo reinserimento nel centro del ciclismo sembra ancora infastidire coloro che sono costretti a guardare da lontano, ed è sicuro dire che le ferite non si sono mai rimarginate. Dopo il suo ritiro nel 2003, Vaughters si è reinventato come attivista anti-doping, guadagnandosi rispetto in alcuni settori e derisione in altri: solo la scorsa settimana è stato etichettato come “pagliaccio ipocrita” da Johan Bruyneel, il capo del team US Postal nel 1999.
In ogni caso, Vaughters ha fondato la struttura Slipstream Sports, portandola da una piccola operazione statunitense al debutto al Tour de France del 2008 con una filosofia pulita e un altro corridore di questo elenco, Christian Vande Velde, che si sarebbe classificato quarto al Tour di quell’anno.
Vaughters ha portato il team al WorldTour l’anno successivo e ci sono rimasti da allora, il che è qualcosa di notevole considerando il suo ruolo di voce principale nel denunciare l’ecosistema economico disfunzionale del ciclismo professionistico. Il team è stato molto vicino al fallimento nel 2017, subito dopo che Rigoberto Urán si era classificato secondo al Tour. Lo stress nel tentativo di salvarlo, che ha coinvolto una campagna di crowdfunding, è stato in parte responsabile del crollo del suo secondo matrimonio, secondo Vaughters, che ha anche indicato la sua diagnosi di autismo l’anno successivo.
Vaughters non ha mai goduto della libertà finanziaria dei team più grandi, ma la sua longevità è sicuramente testimonianza di una certa resilienza e spirito innovativo. Ha dovuto ricorrere principalmente a “firme economiche” e sebbene i risultati siano stati misti, ciò ha contribuito a mantenere il team a galla.

Peter Meinert-Nielsen è uno dei soli due corridori non statunitensi nella squadra. Dopo il ritiro, è diventato direttore sportivo e attualmente lavora nel ciclismo. Tuttavia, tra la sua carriera nel ciclismo e quella di direttore sportivo, è stato venditore di cucine. Dopo la chiusura del negozio in cui lavorava, ha continuato a operare da casa sua. È stato il corridore più anziano della squadra US Postal al Tour de France del 1999, ma una caduta durante la tredicesima tappa ha segnato la fine della sua ultima partecipazione al Tour. Dopo il ritiro, è diventato direttore sportivo per la squadra danese Fakta, ma ha poi cambiato direzione diventando consulente per l’associazione di club amatoriali DGI in Danimarca. Attualmente si occupa di promuovere la partecipazione allo sport a livello amatoriale nella regione dello Jutland, organizzando giri in bicicletta, offrendo consulenza e aiutando i club ciclistici ad aumentare il numero di iscritti. Oltre al suo lavoro, appare come commentatore nelle trasmissioni sul ciclismo di Discovery in Danimarca e dedica molto tempo a pedalare. Adora le sfide del vento contrario e considera il ciclismo sul sterrato come un “condizionamento puro per l’anima”. Evidentemente, è ancora innamorato della bicicletta.

Christian Vande Velde è conosciuto dai fan del ciclismo negli Stati Uniti, in quanto appare come analista nella copertura del Tour de France su NBC. Dopo il ritiro dalle corse, ha iniziato a lavorare come commentatore nel 2014. Durante la sua carriera, ha gareggiato per diverse squadre e ha ottenuto risultati significativi, tra cui il quarto posto al Tour de France del 2008. Ha ammesso di aver fatto uso di sostanze dopanti, ma ha sostenuto di essere tornato a gareggiare pulito prima di unirsi alla squadra Slipstream. Dopo il ritiro, ha intrapreso diverse attività, inclusa la rappresentanza dei ciclisti per il sindacato CPA e l’allenamento virtuale per Peloton. Nel 2020 ha lanciato la sua piattaforma di allenamento chiamata The Breakaway, insieme a ex dipendenti di Strava, che utilizza i dati degli utenti e l’intelligenza artificiale per creare programmi di allenamento personalizzati.

Kevin Livingston era un caro amico di Armstrong, ma la loro relazione ha avuto un momento difficile quando Livingston ha deciso di lasciare il team di Armstrong per lavorare con Jan Ullrich, l’arcirivale di Armstrong. Tuttavia, dopo il ritiro improvviso di Livingston nel 2002, i due hanno ristabilito il loro rapporto. Livingston ha continuato a vivere nella stessa città di Armstrong e ha aperto una società di coaching per il ciclismo. Ha anche lavorato con il team Trek-Livestrong U23 e ha partecipato all’organizzazione di eventi ciclistici negli Stati Uniti. Anche se ha mantenuto un profilo basso, si sa che pratica sci di fondo su rulli e pubblica le sue attività su Strava. 

Frankie Andreu è una delle persone con cui Armstrong ha avuto problemi, in particolare a causa del suo coinvolgimento nel caso di doping. Andreu ha fatto parte del team di Armstrong al Tour de France del 1999 e ha svolto un ruolo importante come capitano di strada. Dopo il ritiro, ha avuto difficoltà a trovare lavoro nel management delle squadre a causa della sua testimonianza contro Armstrong. Ha poi trovato successo come commentatore e speaker per eventi sportivi.

Johan Bruyneel, il regista belga di squadra inestricabilmente legato all’ascesa e alla caduta di Armstrong, è ancora associato ai peggiori eccessi nel doping del ciclismo. Inizialmente squalificato per 10 anni, la sospensione è stata poi aumentata a vita. Nonostante il grave impatto finanziario delle cause negli Stati Uniti, sembra aver evitato il peggio vivendo all’estero, a Madrid. Ha dichiarato che la sua salute fisica e mentale è crollata a causa dello scandalo. Rimane strettamente legato ad Armstrong negli affari e nei media, e si fa notare per il suo impegno su X (ex Twitter) nel denunciare ipocriti.

A cura della redazione di Inbici News24
Copyright © Riproduzione Riservata Inbici Media Group

KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Tripoint
BANNER THREEFACE
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Caserta Race Tour
GIST BANNER NEWS BLOG
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
SCOTT BANNER NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com