MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
Gravel World Championships 2022 - Men Elite - 1st Edition - Vicenza - Cittadella 194,8 km - 09/10/2022 - Davide Rebellin (ITA - Work Service Vitalcare Vega) - photo Massimo Fulgenzi/SprintCyclingAgency©2022

FRECCIA VALLONE: IL COMPIANTO DAVIDE REBELLIN FU L’ULTIMO ITALIANO A VINCERLA NEL 2009


Altra giornata di classiche per il ciclismo internazionale. Domani sarà il giorno della Freccia Vallone, edizione numero 87 della storia, con l’ormai classica chiusura sul Muro di Huy. L’Italia è al secondo posto nell’albo d’oro storico con 18 successi, con due uomini capaci di rientrare nella ristretta cerchia di aver vinto questa corsa per almeno tre volte, Moreno Argentin ed il compianto Davide Rebellin.

Canale InBici Media Group

Proprio quest’ultimo è stato l’ultimo azzurro a trionfare alla Freccia, ormai quattordici anni fa. Gara di 200 chilometri, e due uomini andarono in fuga a lungo, il giapponese Fumiyuki Beppu ed il francese Christophe Moreau. I due si avvantaggiarono anche di 15 minuti, poi il transalpino rimase da solo in testa, venendo preso soltanto a 24 chilometri dal traguardo.

GIST BANNER NEWS BLOG
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
Caserta Race Tour
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BANNER THREEFACE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
SCOTT BANNER NEWS
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3
GELMI BANNER BLOG
La Fl che Wallonne 2022 – 86a Edizione – Blegny – Mur de Huy 202.1 km – 20/04/2022 – Mauri Vansevenant (BEL – Quick-Step Alpha Vinyl Team) – foto Davy Rietbergen/CV/SprintCyclingAgency©2022

Da lì inizia un’altra corsa, con tanti scatti che però si rivelano infruttuosi. Si arriva dunque al Muro, con il francese David Le Lay che ruppe gli indugi a 500 metri dal traguardo venendo però ripreso. A rimanere al vento sono Andy Schleck e Rebellin, il primo a scattare fu proprio l’azzurro, in maglia Serramenti Diquigiovanni-Androni, con il lussemburghese che non riuscì a tenere le ruote accontentandosi del secondo posto a 2”. 

Il terzo posto fu appannaggio di Damiano Cunego, che provò la rimonta disperata, mentre Rinaldo Nocentini chiuse la top 10. A quasi 38 anni poteva essere il successo del rilancio per Rebellin, che una settimana dopo venne però trovato positivo al CERA nella gara delle Olimpiadi 2008 a Pechino, accusa da cui venne assolto sette anni dopo. Da allora, soltanto un podio, nel 2019, con Diego Ulissi. Troppo poco in quattordici anni.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
SCOTT BANNER NEWS
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Caserta Race Tour
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3
GELMI BANNER BLOG
BANNER THREEFACE
GIST BANNER NEWS BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *