MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
Home > G News > SQUALIFICA GROENEWEGEN, CATTANEO: “LE TRANSENNE NON HANNO RETTO, LA SICUREZZA IN GARA E’ UN PROBLEMA”
Tour de Pologne 2020 - 77th Edition - Stadion Slaski Chorzow - Spodek Katowice 266,5 km - 05/08/2020 - Crash - Dylan Groenewegen (NED - Team Jumbo - Visma) - Fabio Jakobsen (NED - Deceuninck - Quick Step) - photo Ilario Biondi/BettiniPhoto©2020

SQUALIFICA GROENEWEGEN, CATTANEO: “LE TRANSENNE NON HANNO RETTO, LA SICUREZZA IN GARA E’ UN PROBLEMA”

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


L’Unione Ciclistica Internazionale ha inflitto pochi giorni fa una squalifica di nove mesi a Dylan Groenewegen, corridore del Team Jumbo-Visma, per aver innescato una caduta che ha ridotto quasi in fin di vita Fabio Jakobsen, portacolori della Deceuninck-QuickStep, durante il Giro di Polonia.

I fatti risalgono alla prima tappa, la Stadion Śląski – Katowice che si è disputata il 5 agosto. Jakobsen e Groenewegen si sono giocati il successo allo sprint finale, Groenewegen ha cambiato la traiettoria della propria volata chiudendo la strada a Jakobsen, facendolo finire contro le transenne, che sono volate via. L’impatto, ad altissima velocità, ha avuto conseguenze disastrose: in un primo momento si è addirittura temuto per la vita del corridore della Deceuninck-QuickStep, ma con il passare dei giorni la situazione è migliorata sempre di più. L’olandese si è sottoposto a numerosi interventi alla mascella, l’ultimo pochi giorni fa, in cui gli è stato ricostruito l’intero osso. 

BIKE LIFE BANNER BLOG NEWS
Shimano Banner archivio Blog
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

Il giorno dell’incidente era presente Mattia Cattaneo, compagno di squadra di Jakobsen alla Deceuninck-QuickStep. Il corridore lombardo aveva lavorato duramente per lanciare la volata finale: “Ero stato tutto il giorno in testa al gruppo – ha spiegato nel corso della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro – in quanto il nostro obiettivo di squadra era quello di provare a vincere la tappa con Fabio. Negli ultimi chilometri mi sono staccato, ma non potrò mai dimenticare il momento in cui ho visto Fabio al di là delle transenne quando ho tagliato il traguardo: tutti noi avevamo capito che la situazione era molto grave. E’ un’immagine che non riuscirò mai a togliermi dalla testa. Nei giorni seguenti è stato difficile gareggiare, e sono felice che il nostro compagno Remco Evenepoel abbia dedicato il suo successo nella penultima tappa a Fabio: seppur giovane, questo ragazzo ha saputo motivarci tutti in un momento molto difficile”. 

Vuelta Espana 2020 – 84th Edition – 12th stage Pola de Laviana – Alto del Angliru 109,4 km – 01/11/2020 – Mattia Cattaneo (ITA – Deceuninck – Quick Step) – Enrico Gasparotto (SUI – NTT Pro Cycling) – photo Luis Angel Gomez/BettiniPhoto©2020

Secondo Mattia Cattaneo, reduce dalla Vuelta a Espana nella quale è risultato essere il migliore degli italiani in classifica generale, l’episodio della terribile caduta di Jakobsen deve far riflettere sulla questione sicurezza: “Sicuramente le transenne utilizzate non sono state delle migliori, non hanno retto all’impatto. Ma non solo: negli ultimi chilometri di una gara dovrebbero esserci delle transenne alte, mentre quelle posizionate al Tour de Pologne erano quelle tradizionali. Le transenne sono fondamentali per la sicurezza di noi corridori: secondo me è meglio fare economia su altre cose, ma non sulla sicurezza. Non dimenticherò mai quella giornata, è stata la più brutta da quando corro in bici, ma spero possa servire da lezione per far capire che serve investire sulla sicurezza. Nei grandi giri e nelle classiche monumento non abbiamo problemi, ma ci sono tante altre corse minori dove il problema sicurezza dovrebbe essere preso di petto. Purtroppo si pensa a migliorare le cose sempre dopo le tragedie: spero davvero che quanto accaduto non vada a finire nel dimenticatoio”. 

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
BIKE LIFE BANNER BLOG NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *