MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
HOTEL ON BIKE TOP BANNER
Patrick Lefevere (BEL - General manager - Soudal - Quick-Step) - foto Rafa Gomez/SprintCyclingAgency©2023

GIRO D’ITALIA 2023, PATRICK LEFEVERE ATTACCA LA CORSA ROSA: “LA CRONOSCALATA DI OGGI È UN CIRCO: UNA FARSA SUL MONTE LUSSARI”


Patrick Lefevere è famoso non soltanto per i risultati sportivi che è solito ottenere nell’universo ciclistico, ma anche per le dichiarazioni pepate e che spesso fanno discutere. Il direttore sportivo della Soudal-Quick Step aveva superato il limite quando aveva offeso il Sud paragonandolo alla Colombia, al termine di una tappa del Giro d’Italia 2023 (eravamo all’inizio della Corsa Rosa e il suo Remco Evenepoel era in corsa, in piena lotta per la conquista della maglia rosa prima di ritirarsi in chiusura della prima settimana a causa della positività al Covid-19).

Patrick Lefevere è presente in ammiraglia sulle strade del Bel Paese e ha avuto da ridire riguardo alla cronoscalata del Monte Lussari, che oggi risulterà decisiva per l’assegnazione del Trofeo Senza Fine. Il manager belga non ha usato mezze parole sul quotidiano Het Nieuwsblad, sulle cui colonne tiene una rubrica settimanale: “Una cronometro oggi decide il Giro, anche se possiamo anche chiamarlo una corsa da circo. Non soppeserò le mie parole: sono contrario al trecento per cento. Non capisco il fascino di cercare ad ogni costo quelle percentuali estreme in salita. Questo Giro ne ha dato la prova: più la montagna è ripida, più spesso partorisce un topolino“.

BANNER THREEFACE
GIST BANNER NEWS BLOG
Magnetic Days Biomecanica
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
GELMI BANNER BLOG
SCOTT BANNER NEWS
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS

Patrick Lefevere ha poi proseguito, attaccando anche il Sindacato dei corridori: “Nella tappa di Crans Montana, il gruppo voleva un accorciamento della tappa e l’ha ottenuto. Ma non capisco perché abbiano accettato di correre la cronometro di oggi. Ilan Van Wilder monterà un 36×34, ma questa è mountain bike, non corse su strada. Penso che dovremmo stabilire i confini delle varie discipline in modo più rigoroso“.

Conclusione sopra le righe, come sua abitudine: “Negli ultimi dieci chilometri decisivi c’è un meccanico in moto dietro al corridore, con una bicicletta in spalla. Sono questi gli standard professionali che vuol diffondere come sport ciclistico? Penso che sia una farsa“.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

Magnetic Days Biomecanica
GIST BANNER NEWS BLOG
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
GELMI BANNER BLOG
BANNER THREEFACE
KTM REVELETOR ALTO BANNER NEWS 3
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
SCOTT BANNER NEWS
BELTRAMI SIGMA BLOG NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *